Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Viaggi a tema - Viaggi in camper»Sulla costa Sarda in Camper
Riviera del Corallo

Sulla costa Sarda in Camper

L’itinerario Sulla costa Sarda in Camper dedicato a quest’ultimo si dirama sul territorio proposto dal Nord-Ovest della Sardegna, paesaggio certamente caratteristico ed affascinante che può contare su attrattive variegate che vanno al di la della bellezza del mare e delle proprie spiagge.
La Riviera del Corallo, per esempio, offre mare, spiagge, cultura, divertimento, ambiente ed archeologia nel raggio di pochissimi chilometri e rappresenta il luogo ideale per trascorrere una vacanza conforme alle proprie esigenze.
La cittadina catalana di Alghero è la “capitale” della Riviera del Corallo ed è particolarmente rinomata tra i giovani che trovano facilmente spazio e divertimento grazie ai numerosi locali notturni allietati da animazione e musica. Ma Alghero non è solo divertimento notturno perché la giornata offre spiagge, mare ed attrattive particolari come le “Grotte di Nettuno” ed il Parco Naturale di Capo Caccia. Non mancano gli eventi culturali, teatrali e sportivi così come è possibile effettuare escursioni sia via terra che via mare, conseguire il patentino per le immersioni con le bombole, provare l’ebrezza della barca a vela etc.

Vediamo le principali mete che si possono fare con la nostra casa a quattro ruote sulla costa:

Stintino

Stintino (L Isthintini in sassarese, Istintinu in sardo) è un comune della provincia di Sassari. Il comune di Stintino insiste sulla omonima penisola, ultimo lembo di terra sarda che dalla piana della Nurra si protende verso l isola dell Asinara, situata a breve distanza. Quest ultima ospita il Parco Nazionale dell’ Asinara, istituito nel 1997, e per il quale Stintino rappresenta l’ imbarco più prossimo.
La principale attrattiva turistica è la spiaggia de La Pelosa, collocata nell’ estremo lembo nord-occidentale della Sardegna, ed affacciata sul Golfo dell Asinara e sull’ omonima isola; è contraddistinta da una sabbia bianca finissima e dal mare azzurro-turchese dal fondale molto basso. Immediatamente prospiciente ad una seconda più piccola spiaggia chiamata La Pelosetta si trova l’ isolotto raggiungibile a piedi della torre aragonese, costruita del 1578 e chiamata sempre Torre de La Pelosa, e l’ Isola Piana, appartenente al comune di Porto Torres come l’ isola maggiore, che ospita una torre spagnola alta 18 metri chiamata Torre della Finanza, edificata nel XVI secolo e restaurata nel 1931. L Isola Piana veniva utilizzata in passato come pascolo grazie alla transumanza effettuata su barche da pesca. Altre spiagge della costa orientale sono quelle de Le Saline, Il Gabbiano, L Ancora, Ezzi Mannu, Pazzona e Punta Negra.
Il litorale verso il Mar di Sardegna viene chiamato mare di fuori, ed alterna scogliere e cale di sabbia e sassi al termine di piccole valli, come Biggiu Marinu (ovvero Bue marino, nome sardo della Foca monaca), conosciuta anche come Valle della Luna, Coscia di Donna e Cala del Vapore.
Altro importante centro abitato del comune è la frazione di Pozzo San Nicola mentre si ricordano le località di Ercoli, Pittiacca, Nanni Doro, Nodigheddu, Unia, Ovile Nuovo, Nodigheddu, Fioreddu, Preddu Nieddu, Country Village, Le Tonnare, Tamerici, Cala Lupo, Tanca Manna, Cala Reale, Ovile del Mercante, Italo-Belga, L Ancora, Roccaruja, Capo Falcone e La Pelosa.
A circa 3 km dall abitato si trova lo Stagno di Casaraccio, e a circa 15 km nel territorio di Sassari lo Stagno di Pilo; entrambi rappresentano importanti riserve riproduttive per l’ avifauna.

Area sosta Stintino: 

L’area sosta camper di Stintino, chiamata La Pineta, dista da quest’ultimo circa 8 km, ma i primi negozi di alimentari si trovano a circa 3 km, la famosissima spiaggia La Pelosa invece, dista dall’area camper 10 km circa, per raggiungerla con il servizio navetta è consigliabile chiamare preventivamente il gestore. L’area camper La Pineta è molto semplice e tranquilla, molto ampia, occupa una superficie di circa 18000 mq. distribuiti tra una pineta ed ampi spazi. Le piazzole sono ampie e servite da colonnine per gli allacci dell‘energia elettrica, il fondo è in piano e su terra battuta, possiede l’illuminazione notturna, docce calde (€ 1,00), lavelli e lavatoi, lavatrice (€ 5,00), servizio ricarica bambole gas. Il camper service, comodo ed accessibile è a griglia carrabile ed è ubicato di lato alla costruzione delle docce e delle fontanelle dell’acqua potabile, oltre ad un curioso sistema di scarico per le cassette-wc, praticamente un tubo in gomma, singolare poi il servizio di scarico effettuato dal personale dell’area camper, “fanno tutto loro!”.
L’area sosta La Pineta è poi convenzionata con il bar ristorante e pizzeria adiacente alla struttura ricettiva, con prezzi modici si possono gustare piatti tradizionali sardi. Il gestore su prenotazione inoltre offre altri servizi utili, tipo: vendita di frutta e verdura, pane fresco ed escursioni.
Apertura stagionale: dal 1 Marzo al 30 Settembre, non ci sono limiti di pernottamento ed i cani sono ammessi.
Tariffe giornaliere:
Marzo e Aprile € 15,00 – Maggio € 17,00 – Luglio e Agosto € 21,00 – Settembre € 19,00


Capo Caccia (Grotte di Nettuno):

Lasciata Stintino e le sue meravigliose coste si imbocca verso sud per Pozzo San Nicola la SP34 e giunti si svolta a destra per la località Lampianu e poi Biancareddu, si prosegue per altri 10 km circa e superando la località La Predaia e La Muntagna si arriva a Palmadula. Proseguendo per altri 12 km. su questa strada si supererà il Lago di Baratz (per l ambiente incontaminato meriterebbe una visita) e si arriverà sulla SP55 Bis, svoltare a destra seguendo le indicazioni per Torre del Porticciolo si prosegue lasciando il paese fino alla deviazione con la SS127 Bis, tenendo sempre la destra seguire le indicazioni per Capo Caccia.

Capo Caccia (in catalano e algherese Cap de la Caça) è un imponente promontorio di roccia calcarea situato nell estremità nord-occidentale della Sardegna, che si affaccia sulla rada di Alghero, e con l altro promontorio di roccia calcarea di Alghero, Punta Giglio, racchiude il grande golfo di Porto Conte. Vi è ubicata la stazione meteorologica di Capo Caccia e, per la sua posizione è dotato di un faro, che grazie alla sua posizione in altezza, 186 metri slm, è uno dei più visibili a distanza, ca 34 miglia, di tutta Italia.Sulla costa Sarda in Camper
Capo Caccia è noto anche per la presenza di molte grotte marine nella parte inferiore del promontorio che una volta erano frequentate da numerose famiglie di Foca monaca, ora completamente scomparse soprattutto per la crudele caccia che i pescatori in forte competizione con questa specie, hanno compiuto fino ai primi anni del Novecento. La grotta più nota, che porta il nome del Dio dei mari, è quella di Nettuno mentre sott’ acqua si trova la famosissima e frequentatissima, dai subacquei, Grotta di Nereo, dedicata al padre delle ninfe nereidi, e considerata la più vasta grotta marina sommersa di tutto il Mediterraneo. In tutti i fondali circostanti è presente ancora il pregiato Corallium rubrum, corallo rosso, utilizzato in gioielleria e che caratterizza fortemente la cultura del luogo, con la raccolta effettuata da secoli e la lavorazione artigiana, che hanno dato il nome alla zona di Riviera del Corallo.

Le grotte di superficie:

Grotta della Foca Monaca – Grotta del Gaurra (del Gabbiano)
Grotta Verde o dell altare o di Sant Elmo (con ritrovamenti di ceramiche neolitiche) – Grotta di Nettuno (parte aerea) – Grotta dei Pizzi e ricami – Grotta Gea (Group Espeleologic Algueres) – Grotta del Belvedere o del soffio (parte aerea).

Le grotte marine sommerse:

Grotta della Madonnina – Grotta di Nereo – Grotta del Sifone
Grotta del Tunnel – Grotta di Nettuno (parte sommersa) – Grotta dei Portici o di Punta Salinetto – Grotta del Belvedere o del soffio (Parte sommersa).

Fertilia e Alghero:

Da Capo Caccia si torna indietro e in direzione Alghero seguendo la SS127 Bis, dopo una quindicina di chilometri si giunge a Fertilia e per Alghero altri 7 chilometri circa.

Fertilia  è una frazione del comune di Alghero, nelle cui vicinanze è ubicato l’ omonimo aeroporto. Dista 6 km da Alghero e poco meno di 34 km da Sassari.
Alghero  è una città della provincia di Sassari. È conosciuta anche come Barceloneta, la piccola Barcellona: la città ha infatti conservato l’ uso della lingua catalana, di cui è un isola linguistica e il 22,4% dei suoi abitanti lo parla nella variante algherese, riconosciuta dalla Repubblica Italiana e dalla Regione Sardegna come lingua minoritaria. Tale dialetto sta ricevendo tutela attraverso programmi di insegnamento e di utilizzo ufficiale all’ interno del territorio comunale. Ad Alghero ha inoltre sede istituzionale una delegazione del governo della Catalogna.
La città, una delle principali della Sardegna e quinta della regione per numero di abitanti, è una delle porte di accesso all’ Isola, grazie all’ aeroporto che sorge nelle vicinanze di Fertilia. È il capoluogo della Riviera del Corallo, nome che deriva dal fatto che nelle acque della sua rada è presente la più grande quantità del prezioso corallo rosso della qualità più pregiata, pescato tuttora da corallari subacquei, attività che con la lavorazione e la vendita, da secoli ha avuto una grande importanza di carattere economico e culturale, tanto che il ramo di corallo è inserito nello stemma della città.

Area di sosta:

L’area di sosta attrezzata Paradise Park è a due passi dalla più rinomata spiaggia “Le Bombarde” di Alghero ed è immersa nell’autentica macchia mediterranea Sarda, l’area è a gestione privata dove i titolari sono cordiali e simpatici oltre ad esaudire “ove possibile” ogni richiesta del proprio ospite. Tutta l’area è punteggiata da alberi di Ulivo che delimitano naturalmente gli ampi spazi riservati per ogni piazzola, di grande dimensione è può ospitare circa 150 camper. Camminando per cinque minuti, attraverso un sentiero interno, si può raggiungere la pineta e da quì la spiaggia famosissima di sabbia bianca Le Bombarde a circa 400 metri. Comunque è disponibile per chi lo desidera un servizio di navetta gratuito. All’ingresso, a poco meno di cinquanta metri, si trova la fermata degli Autobus che portano ad Alghero, invece per gli amanti della pedalata c’è una comoda pista ciclabile che consente di raggiungere il vicino piccolo centro di Fertilia. All’interno dell’area sono presenti un bar, una pizzeria ed un ristorante, aperti dalla mattina alla sera, dove si possono degustare i piatti tipici della cucina Sarda. I servizi offerti dall’area di sosta attrezzata Paradise Park sono acqua potabile tranne per il camper service, allacci per la corrente elettrica in ogni piazzola, servizi igienici, docce con acqua fredda gratuita e calda (€ 1,00), tre lavatrici (€ 4,00), l’area è illuminata, recintata e vi è il custode, un bel parco giochi per bambini all’ombra di ulivi. Il camper service a botola con griglia è semplice e funzionale. L’area attrezzata è aperta da Giugno a Settembre e non vi sono limiti di permanenza, i cani sono ammessi.

Bosa:

Da Alghero si prende la SS292 e la SP49 per giungere dopo 45 km circa Bosa, l’ area sosta “Torre Argentina Tentizzos” e “S Abbra Druche” distano prima di Bosa 7,5 km. la prima e km. 3,5 circa la seconda.

Bosa è un comune della provincia di Oristano. Si trova nell antica subregione storica della Planargia. Fino al 2005 faceva parte della provincia di Nuoro ma, in seguito all’ applicazione della Legge Regionale 12 luglio 2001, n. 9 è passato alla provincia di Oristano. Bosa si trova adagiata nella valle del fiume Temo. È l unica centro della Sardegna edificata accanto all’ estuario di un fiume, che è navigabile con imbarcazioni a basso pescaggio per circa 5-6 chilometri. Si è sviluppata in una frazione marina (Bosa Marina), frequentata stazione balneare, presso la quale si trova un porto che include quella che un tempo era l’ isola Rossa, accanto alla foce del fiume, ora congiunta alla terraferma per mezzo di bastione carrabile. Il borgo antico è in parte arroccato sulle pendici del colle di Serravalle, in cima al quale si trova il castello medievale che fu dei Malaspina.

Area sosta S Abba Druche:

SP 49 Km. 38,800 – 08013 Bosa (NU)
abbadruchespiagge@tiscali.it – Coordinate GPS: 40.316508,8.473479

Area sosta Torre Argentina Tentizzos:

SP129 (SP49) KM. 7 – 08013 Bosa (NU)
Tel. +39 331.5055031 / +39 328.5789206 / +39 329.7957374

Leave your comment

Your Name: (required)

E-Mail: (required)

Website: (not required)

Authorization code from image: (required)


Message: (required)

Send comment