Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Umbria»Perugia»Spello

Spello

Spello

.
Spello, la “Splendidissima Colonia Julia“, come recita l’iscrizione su una delle porte che permettono di accedere al centro storico superando l’antica cinta muraria di epoca augustea che ancora racchiude il paese, si trova sul declivio del Monte Subasio.

Centro di antiche origini umbre, fu colonia in età triumvirale-augustea. Sotto Costantino divenne colonia Flavia Constans come testimonia il Rescritto di Costantino conservato all’interno del Palazzo Comunale. Gastaldato del Ducato di Spoleto, e citata come castrum nel Basso Medioevo.
Nel 1360 si concesse gli Statuti comunali.
Dal 1389 al 1583, dominio dei Baglioni di Perugia, fu successivamente riassorbita dallo Stalo della Chiesa, restandone parte fino all’Unità d’ltalia. Nel 1829 ebbe il titolo di città.

La Porta  Consolare, età triumvirale-augustea, è a tre fornici e presenta nella parte superiore tre statue di età repubblicana o giulio-claudia, provenienti dalla zona dell’anfiteatro.
La Cappella Tega, sec. XIV, e impreziosita con affreschi quattrocenteschi di scuola umbra, tra cui la Crocifissione, attribuita all’Alunno.
La Chiesa di S. Maria Maggiore, sec. XIII-XVII, che sorge sulle rovine di un tempio sacro a Giunone e a Vesta, è famosa per la Cappella Baglioni, affrescata nel 1501 da Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio. Nel Palazzo dei Canonici a lato della chiesa, ha sede la Pinacoteca, aperta nel 1994 con gli arredi liturgici provenienti dalla parrocchia di S. Maria Maggiore e con opere d’arte di proprietà del Comune. Attualmente raccoglie tra dipinti, sculture, tessuti e oggetti di arti minori, un centinaio di pezzi dal sec. XII ai primi del Novecento. Di notevole pregio la Madonna in trono con il Bambino (sec. XII) e la Croce astile di Paolo Vanni{1398).
La Chiesa di S. Andrea, sec. XIII, custodisce all’interno affreschi di scuola folignale del sec. XV, un frammenio di affresco del sec. XIII, un Crocifisso su tavola di epoca giottesca e una tavola del Pinturicchio.

La Porta Venere, di età augustea, a tre fornici, è affiancata dalle Torri di Properzio, dodecagone.
Il Palazzo Comunale Vecchio, costruito da Maestro Prode nel 1270, presenta all’esterno una fontana cinquecentesca. Nell’atrio sono raccolti reperti archeologici. Il palazzo ospita inoltre Biblioteca e Archivio storico.
La Chiesa di S. Lorenzo, costruita nel 1120, fu più volte rielaborata, particolarmente nei sec. XVI e XVII. All’interno, Cappella del Sacramento con tabernacolo in marmo, realizzato alla fine del XVI sec. da Flaminio Vacca, coro ligneo intarsiato risalente al 1533 e presepe in legno del sec. XVII.
L’Arco di Augusto è di età triumvirale-augustea.
II Teatro Civico Subasio già Accademia dei Quieti, recentemente restaurato e riaperto a cura dell’Amministrazione comunale, è un piccolo gioiello di architettura settecentesca, opera di Alessio Lorenzini (1787). l’autore del Teatro Morlacchi di Perugia. La pianta a ferro di cavallo, gli stucchi, le decorazioni, i motti latini, gli eleganti ornamenti dell’arco scenico lo assegnano all’epoca d’oro del teatro italiano.

Consigliamo al turista una passeggiata lungo la salita di via alla Torre del Belvedere, lo sforzo della salita è sicuramente ricompensato dalla possibilità di ammirare alcuni scorci suggestivi della cittadina umbra, nonchè, raggiunto il Belvedere, di godere di uno spettacolare panorama sulle verdi vallate umbre.

Degne di menzione le famose infiorate di Spello, manifestazione folcloristica, legata alla festa del Corpus Domini, durante la quale la cittadina diventa teatro delle opere artistiche degli infioratori.
Importanti sono anche gli alberghi di Spello, riportati qui di seguito.

Fonte: Servizio Turistico Associato della Valle Umbra

Share Button