Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Trentino Alto Adige»Trento»Altopiano della Paganella

Altopiano della Paganella

Paganella

L’altopiano della Paganella si raggiunge comodamente in auto uscendo dall’autostrada A22 del Brennero al casello di Mezzocorona che per chi proviene da Sud è situato subito dopo i caselli di Trento mentre per chi proviene da nord è situato dopo l’uscita di Ora. Da lì, si imbocca la strada per Mezzolombardo e subito dopo l’abitato si svolta a sinistra in direzione Fai della Paganella. Volendo, esiste una seconda strada poco più avanti rispetto alla precedente svolta che porta sull’altopiano direttamente ad Andalo passando per Spormaggiore e Cavedago. Dall’uscita dell’autostrada si arriva comunque nel giro di 30 minuti all’altopiano, in entrambe le strade affrontando qualche tornante nella parte iniziale.

L’altopiano è situato ad un altitudine media intorno ai 1.000 Mt. e le sue principali località sono Fai della Paganella, Andalo e Molveno.

Fai della Paganella è la prima località che si raggiunge arrivando dalla prima strada che vi abbiamo indicato: è situata a 958 Mt. sul livello del mare ed è una terrazza affacciata sulla valle dell’Adige.  Il paese offre alcune strutture ricettive ed è un buon punto di partenza per le piste di sci invernali.

Proseguendo lungo la strada, dopo pochi chilometri arriviamo ad Andalo, il centro più grande dell’altopiano ed anche quello ad un’altitudine maggiore (1.042 Mt.). Andalo è una località quasi tutta in piano, offre un centro con parecchi esercizi commerciali e moltissime strutture ricettive. Inoltre è dotata di un bel centro sportivo che d’estate è consente di praticare numerosi sport e di passeggiare lungo prati molto estesi e ben tenuti. Qui si può giocare a tennis, a mini golf, a basket a calcio ed è possibile girare tutta l’are anche attraverso un tipico trenino turistico su gomma. In inverno è possibile anche pattinare su ghiaccio all’interno del palazzetto del ghiaccio. Nell’area è presente anche un laghetto stagionale. Per chi desidera godere della montagna nel senso più tipico, dal paese partono alcune passeggiate che collegano la località con il Pradel in mezzo al bosco. Da qui si diramano numerosi sentieri che consentono di raggiungere rifugi e malghe presenti sul massiccio roccioso del Brenta, sia camminando che attraverso alcuni impianti di risalita.

Ad Andalo si incrociano le due strade che abbiamo sopra indicato che arrivano dal fondovalle. Se si prosegue lungo la strada ormai unica si arriva a Molveno ed al suo bel lago. La località è situata a 864 Mt. sul livello del mare ed ha un centro storico molto ben tenuto e pedonale all’interno del quale sono presenti numerosi negozi e varie strutture ricettive. Il centro pedonale non è in riva al lago è in posizione più elevata rispetto ad esso; per raggiungere il lago quindi si scende ancora di qualche decina di metri e ci si trova in un ambiente pianeggiante con stupendi prati che costeggiano tutta la riva nord del lago. In quest’area sono presenti numerose strutture sportive (tennis, beach volley, basket, bocce, mini golf, ecc.) ed anche un Campeggio. Il Touring Club Italiano ha conferito alla località di Molveno il riconoscimento della bandiera arancione per la qualità dell’accoglienza e dei servizi turistici.

Il lago di Molveno è un lago alpino di origine naturale, formatosi circa 4.000 anni fa a seguito di un’imponente frana. È il secondo lago per estensione del Trentino-Alto Adige (circa 3.3 km² di superficie) ed ha una profondità massima di 123 metri. E’ possibile navigare sul lago affittando i pedalò o anche piccole barche a motore. Dal lago si gode di una vista mozzafiato sul massiccio dolomitico del Brenta.

Nella parte alta del paese invece è situata una bidonvia che collega la località con il Pradel a circa 1.300 Mt. di altitudine e da lì è possibile poi proseguire per numerose passeggiate verso i rifugi del Brenta. Sul Pradel è anche presente un Parco Avventura divenuto molto conosciuto per essere stato il centro di allenamento dei personaggi di una delle prime edizioni dell’Isola dei Famosi. Inoltre, se siete amanti del parapendio, dal Pradel potrete lanciarvi per volteggiare nel cielo tra le rocce del Brenta ed il Lago di Molveno ai vostri piedi atterrando in pieno centro a Molveno in un prato attrezzato per chi pratica questo sport.

Il nostro viaggio in questo altopiano finisce qui ma la strada che abbiamo percorso prosegue costeggiando il Lago e sfociando in un tratto molto panoramico sulla sottostante valle dell’Adige fino ad arrivare a San Lorenzo in Banale, località inserita tra i Borghi più belli d’Italia.

L’ALTOPIANO DELLA PAGANELLA IN INVERNO

Era circa un secolo fa, anno più anno meno, quando i primi pionieri dello sci (allora si chiamava “sky”), scivolavano un po’ incerti, giù dai pendii e attraverso il bosco rado dalla sommità della Paganella.
Da lassù, oggi come allora, lo spettacolo delle Dolomiti di Brenta, quel panorama a 360 sulle vette del Trentino, non ha perso il suo fascino, è solo più facile e rapido raggiungere, perché oggi la Paganella è una stazione della neve tra le più moderne del Trentino.

Un forte investimento tecnologico ha accompagnato nelle ultime stagioni il radicale rinnovamento della skiarea della Paganella, segnato in particolare dall’ammodernamento e dal potenziamento di molti impianti di risalita, sul versante di Fai e di Andalo (Altopiano della Paganella, Trentino), ma soprattutto da un notevole ampliamento dell’area sciabile, studiato per accrescere la sicurezza degli sciatori.

La recente telecabina con gondole da 8 posti che da Andalo raggiunge Dos Pelà con una stazione intermedia, la altrettanto recente telecabina da Laghet ai Prati di Gaggia, una nuova seggiovia quadriposto fino a Passo S. Antonio, il nuovo tracciato – reso ora più lungo – della pista Nuvola Rossa.
Agli sciatori più esigenti si può ricordare che la Paganella vanta alcune delle piste con i maggiori dislivelli, per sciate davvero di soddisfazione, dalla panoramica vetta che si affaccia sul Gruppo di Brenta e la Valle dei Laghi fino al cuore della stazione di Andalo, quasi mille metri più sotto.

Agli sciatori normali va ricordato che i nuovi larghi tracciati che scendono verso le località di Fai e Andalo, sono piste di media difficoltà, dove possono sciare in sicurezza i genitori con i loro bambini. Pensando proprio ad uno sci a misura familiare la Paganella, e le località di Andalo e Fai, hanno creato un prodotto – neve specifico dove spiccano le cinque scuole di sci con i molti maestri specializzate nell’insegnamento ai ragazzi, un miniclub, programmi di animazione e infine anche un programma di attività oltre lo sci per scoprire la magia di un’area protetta come il parco naturale Adamello Brenta nella veste invernale.

In Trentino, sull’altopiano della Paganella
Il percorso di Italyzone sull’altopiano della Paganella Read more
Parco Naturale Adamello – Brenta
Il Parco naturale Adamello – Brenta Read more
Share Button