Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Trentino Alto Adige»Bolzano»Vipiteno e Valle Isarco

Vipiteno e Valle Isarco

Vipiteno

Vipiteno è uno dei Comuni più a nord d’Italia. Tutti coloro che utilizzano il passo del Brennero per andare in Austria o più a nord sono passati da Vipiteno, ma la località altoatesina non è solo una località di passaggio ma una cittadina molto interessante in cui trascorrere alcune ore piacevolmente.
Monumenti storici e culturali testimoniano un passato ricco di tradizioni, l’attiva cittadina commerciale di Vipiteno rinnova continuamente lo splendore dei suoi legami con i Fugger.  Vipiteno è il capoluogo dell’Alta Val d’Isarco. Questa piccola città nelle Alpi, un tempo punto di sosta per re imperatori, è oggi un piccolo gioiello, ricca di preziosità artistiche, tra cui il celebre altare di Multscher. Vipiteno cela tra le splendide facciate delle case una strada per molteplici acquisti negli eleganti negozi, aperti tutto l’anno anche il sabato pomeriggio. Il comune di Vipiteno ha una superficie di 33 km, con circa 6000 abitanti, il 27% dei quali di lingua italiana. Il centro è situato a 948 m di quota.
Il monumento simbolo di Vipiteno è la Torre delle Dodici, che divide la Città Vecchia dalla Città Nuova. La torre, alta 46 m, fu costruita nel 1468-1472. Nel 1867 si incendiò la rossa guglia, che venne sostituita con un tetto a frontoni gradonati in pietra.
A metà della Città Nuova si trova il Palazzo Comunale (costruito tra il 1468 ed il 1473), che ospita una delle sale di teatro più antiche del Tirolo, la sala Vigil Raber. Nella corte interna si può ammirare una copia in marmo della lapide di Mitra di epoca romana, conservata al Museo Archeologico di Bolzano e rinvenuta nel 1589 a Mules, nei pressi di Vipiteno.

Uscendo da Vipiteno in direzione del Brennero troviamo la località di Colle Isarco a soli 10 km dal Brennero, 2000 abitanti, 1098 Mt. d’altitudine sul livello del mare. Per tutto il medioevo Colle Isarco fu una località di transito di re e imperatori, all’inizio del secolo scorso diventò un rinomato luogo di cura. La sua cornice naturale è teatro ideale di escursioni e passeggiate. Da Colle Isarco parte una piccola Valle laterale, la Val di Fleres, con le numerose possibilità di escursioni e gite che spaziano dalla semplice passeggiata al più impegnativo sentiero in alta montagna. Gli impianti di risalita portano fino ai 2.700 m di altitudine, dove gli scalatori e gli escursionisti possono cimentarsi con il Tribulaun e le Vedrette del Montarso/Feuerstein.

Da Vipiteno è anche possibile raggiungere le Valli Racines, Val Ridanna e Val Giovo. Partendo da 980 m la parte abitata delle valli raggiunge i 1.620 m, mentre con escursioni o scalate è possibile raggiungere addirittura i 3.507 Mt. Nelle valli di questo comune non c’è traffico di passaggio in quanto tutte le strade portano e terminano tra le montagne. Per questo le tre valli di Racines possono essere definite senza alcuna esagerazione le valli della tranquillità.

Nella parte della Valle Isarco più a sud, in direzione di Bolzano, si può fare visita alla località di Chiusa, nota anche come la città degli artisti. Il fascino di Chiusa ha attirato molti artisti e poeti, che l’hanno dipinta e ne hanno cantato le lodi. La pittoresca cittadina si estende tra la rocca di Sabiona e l’Isarco, con le sue belle facciate colorate allineate le une accanto alle altre e sovrastate da chiese gotiche. Dal colle dei Cappuccini, proprio accanto al convento e al giardino, si gode una splendida vista sulla città e sulla vallata. Ancor oggi Chiusa si annovera fra i più bei centri storici d’Italia: le facciate merlate dei palazzi, gli ampi bovindi e gli antichi stemmi delle locande hanno affascinato il club “I borghi piú belli d´Italia“.

Subito a nord di Chiusa ci si può addentrare in Val di Funes:  piccola, accogliente, verdeggiante, dal rio di Funes fino agli alpeggi ai piedi dei Monti Pallidi. Funes non è il nome di un’unica località, bensì la denominazione di tutta la valle. Dal Gruppo delle Odle, la valle si estende in direzione est-ovest fino a congiungersi con la Valle Isarco. Il comune di Funes comprende sei paesini e diverse frazioni: Tiso, San Valentino, San Giacomo, Colle e Santa Maddalena. San Pietro ne è la località principale, situato a 1150 Mt. di altitudine, costituisce un ideale punto di partenza per facili escursioni in mezza montagna.

Colle Isarco

Share Button