Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Toscana»Pisa»Luoghi di interesse di Pisa

Luoghi di interesse di Pisa

Share Button

Prato dei Miracoli

Prato dei Miracoli, Piazza dei Miracoli, piazza del Duomo, comunque lo si chiami è il luogo simbolo e magico che ha reso Pisa famosa nel mondo.
L’accesso al Prato dei Miracoli avviene da Piazza Manin attraverso Porta Nuova, subito il colpo d’occhio è affascinante col Battistero in primo piano e subito dietro la Cattedrale con, alle sue spalle, il caratteristico profilo della Torre Pendente.
Più defilato, sulla sinistra, l’accesso al Camposanto Monumentale, mentre sulla destra vi sono le numerose bancarelle dove è possibile acquistare i classici souvenir.
Sempre sul lato destro vi è l’ingresso al Museo delle Sinopie.

Piazza Garibaldi e Piazza XX Settembre

Le piazze antistanti al Ponte di Mezzo divennero importanti e strategiche nel corso del XII-XIII secolo, dopo il crollo del primitivo ponte che univa la parte di meridionale della città con la parte settentrionale nei pressi della Chiesa di Santa Cristina e dell’attuale Via Curtatone e Montanara. Le piazze furono ricostruite eliminando gli antichi edifici medievali per lasciare posto a palazzi importanti e significativi come il Casino dei Nobili a nord e le Logge di banchi a sud. La statua di Garibaldi fu posta nel 1892.

 

Piazza dei Cavalieri

Fulcro della Pisa medicea nel medioevo, centro del potere politico della Repubblica e libero comune; qui sorgevano il palazzo degli Anziani (XIII – XIV secolo), trasformato in palazzo della Carovana da Giorgio Vasari, sede della Scuola Normale Superiore, e la chiesa di San Sebastiano dei Fabbri, sostituita dalla cinquecentesca chiesa dei Cavalieri di Santo Stefano.
Anche il caratteristico palazzo dell’Orologio è frutto dell’accorpamento di due torri preesistenti: la torre delle Sette Vie (una delle prigioni del Comune) e la torre della Muda, detta anche della fame per avere rinchiuso il conte Ugolino della Gherardesca (1288), capitano del popolo accusato di tradimento, insieme ai figli ed ai nipoti, come ricardano i famosi versi di Dante (Inferno XXXIII, 1-90). la piazza è ulterlormento arricchita dal Palazzo del Consiglio dei Dodici, dal Collegio Puteano e dalla piccola chiesa dedicata a San Rocco.

Pages:12Next »