Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Toscana»Livorno»Marina di Bibbona»Villaggio I Sorbizzi

Villaggio I Sorbizzi

Il Resort Villaggio I Sorbizzi è costituito da venti appartamenti e ville in pietra a vista, immersi nella fresca e rigogliosa pineta e realizzati nello stile tipico toscano caratterizzato dall’uso di cotto e travi in legno: un’oasi di pace e tranquillità perfettamente inserita nella natura, con oltre 3 ettari di parco privato con dune di sabbia ed una ricca pineta mediterranea dove è possibile incontrare animaletti selvatici quali scoiattoli e conigli e rilassarsi passeggiando a piedi o in bicicletta (noleggiabili all’interno della struttura).

|PREZZI|PRENOTA|SITO WEB|

Share Button
  • I Sorbizzi - Strutture interne
  • I Sorbizzi - Dove Siamo
  • I Sorbizzi - Contatti
  • I Sorbizzi - Houses
  • I Sorbizzi - Foto Gallery
  • I Sorbizzi su Tripadvisor
  • [VIDEO] I Sorbizzi
  • [VIDEO] I Sorbizzi
    Tramonto a Marina di Bibbona
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] In bicicletta in pineta
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] Il Viale dei Cipressi [5km]
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] Le Spiagge Bianche [22km]
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] Il Golfo di Baratti [32km]
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] Populonia [36km]
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] Suvereto [40km]
  • [VIDEO ITINERARIO I SORBIZZI] Volterra [40km]

La Spiaggia

La Spiaggia

Il Villaggio I Sorbizzi si affaccia su un lunghissimo ed ampio arenile di sabbia fine, cui si accede tramite una rilassante passeggiata nel sentiero privato interno che, ombreggiato dai pini, sfocia direttamente sulla spiaggia (la distanza massima da percorrere, per raggiungere l’arenile, è di 400 metri).

Il litorale è uno dei più rinomati della Costa degli Etruschi, caratterizzato da ampia e ininterrotta spiaggia sabbiosa, costeggiata da dune e pineta mediterranea. Il mare è pulito ed ha ottenuto la Bandiera Blu negli anni 2010 e 2011.

Sulla spiaggia un addetto provvederà al posizionamento dell’ombrellone e dei lettini prendisole nella posizione da voi scelta e, la sera, provvederà al loro ritiro. Ogni appartamento ha a disposizione una cabina al mare (dove riporre giochi ed attrezzatura per la spiaggia), un ombrellone e due lettini. Una comoda passerella agevola il raggiungimento della battigia, soprattutto con passeggini e carrozzine.

Area piscine

Area Piscine

A pochi passi dagli alloggi, all’interno del nostro parco privato (3 ettari di pineta mediterranea popolata da scoiattoli e coniglietti), si trova l’area piscine, riservata esclusivamente agli ospiti del Villaggio e completamente recintata al fine di garantire la sicurezza dei più piccoli.

Due sono le piscine disponibili: quella più grande (10×20 ml.), a sfioro, presenta varie profondità ed è accessibile tramite una scalinata che degrada dolcemente in acqua. Quella più piccola, rotonda e anch’essa a sfioro, è l’ideale per il divertimento dei più piccini, grazie ad una profondità che non supera mai i 40 cm. A bordo piscina è stata predisposta anche un’area bebè, interamente al riparo dal sole e dotata di giochi soft e materassini.

L’ampio solarium, armonicamente inserito nel contesto naturale, è realizzato con materiali refrattari al calore ed antiscivolo e dispone di comodi lettini prendisole, sedie da regista e tavolinetti portaoggetti. Bar e servizi igenici si trovano a bordo piscina.

In vacanza con i bambini

Parco Giochi

Il Villaggio I sorbizzi offre la possibilità di trascorrere una vacanza in pieno relax con tutta la famiglia, in un ambiente tranquillo ed elegante, riservando una particolare attenzione ai bambini. Completamente immerso nella natura, in un esteso parco privato di pineta mediterranea di oltre 3 ettari, è possibile passeggiare lungo i sentieri per provare a incontrare animaletti selvatici come scoiattoli e coniglietti.

A fianco dell’area piscine si trova un’area bebè, interamente al riparo dal sole e dotata di giochi soft e materassini. Poco più distante si trova il parco giochi, interamente recintato: un’oasi di pace dove i piccoli possono giocare in assoluta sicurezza ed allegria, mentre i genitori continuano a rilassarsi nell’attigua terrazza coperta che si affaccia da un lato sulla piscina, dall’altro sul parco giochi.

Si organizzano lezioni di nuoto e di tennis per bambini. Per i più grandicelli sono disponibili, gratuitamente, un tavolo da ping pong, un biliardino ed un campo sportivo polivalente (calcio, tennis, pallavolo), con possibilità di partecipare a tornei e lezioni. Su richiesta è inoltre disponibile un servizio di babysitter ed è possibile trovare nel proprio appartamento: lettino per bebè, seggiolone, fasciatoio, vaschetta per il bagno, passeggino, sdraietta.

Dove Siamo


Visualizzazione ingrandita della mappa

Come raggiungere il Villaggio

 IN AUTO:

da nord: percorrere l’Autostrada A12 (in direzione sud), uscire a “Rosignano-Vada” e mantenersi sulla S.G.C. Livorno-Grosseto (in direzione sud, per Roma) fino all’uscita “Cecina sud”, presso la località La California-Bibbona, dopodiché proseguire ancora in direzione sud (per Roma) per 4 Km circa, fino al bivio per Marina di Bibbona. Svoltare a destra e proseguire in direzione del mare fino a raggiungere via dei cavalleggeri sud, 46.

da sud: percorrere la S.G.C. Livorno-Grosseto (in direzione nord, per Livorno) sino all’uscita “Cecina sud”, presso la località La California-Bibbona, dopodiché proseguire ancora in direzione sud (per Roma) per 4 Km circa, fino al bivio per Marina di Bibbona. Svoltare a destra e proseguire in direzione del mare fino a raggiungere via dei cavalleggeri sud, 46.

IN TRENO:

la stazione più vicina è quella di Bolgheri, posta sulla sulla linea tirrenica, ma servita solamente da treni regionali; molto vicino anche il più frequentato snodo ferroviario di Cecina.

IN AEREO:

la stazione aeroportuale più vicina è l’Aeroporto Internazionale ‘Galileo Galilei’ di Pisa.

 

Contatti

La stagione estiva inizierà il 1 maggio e terminerà sabato 28 settembre 2013.
Durante questo periodo la nostra Reception sarà felice di rispondere ad ogni sua richiesta.

Per ogni genere di informazioni, può sin da adesso contattarci via e-mail.
Sarà nostro piacere risponderle al più presto.
info@sorbizzi.com

|PREZZI|PRENOTA|SITO WEB|

Indirizzo:
Residence Villaggio I Sorbizzi S.r.l.
Via dei Cavalleggeri Sud, 44
57020 Marina di Bibbona (LI)

Telefono:
+39 0586 600401 (Reception);
+39 347 4340048 (Leonardo);
+39 329 0953487 (Alessia).

Fax:
+39 0586 018806.

 

Ville e Appartamenti

Ville Trilocali (max 6 persone)
Ville Bilocali (max 5 persone)
Appartamenti Bilocali (max 5 persone)
Appartamenti Bilocali Frontemare (max 4 persone)

 

In Vacanza coi Bambini

Il Villaggio I sorbizzi offre la possibilità di trascorrere una vacanza in pieno relax con tutta la famiglia, in un ambiente tranquillo ed elegante, riservando una particolare attenzione ai bambini.

Itinerario a Fossa Camilla

Un itinerario a partire dal Villaggio I Sorbizzi, a Marina di Bibbona, nell’alta Maremma toscana, per raggiungere lungo la spiaggia la spettacolare Fossa Camilla, un bacino naturale, nell’Oasi del Gineprino, alimentata dalle acque provenienti dalle colline circostanti.

Tramonto dalla Spiagga davanti al Villaggio

Quello che state vedendo è lo splendido tramonto che si può ammirare dalla spiaggia di Marina di Bibbona, in provincia di Livorno.
La velocità è accelerata dieci volte rispetto a quella reale, ma vi assicuro che quando sarete qui non avrete alcuna voglia di velocizzare il tempo, tanta è la pace e la spettacolarità del panorama.
Ci sono chilometri e chilometri di litorale tra cui scegliere, a nord, fino a Marina di Cecina, con l’ampia spiaggia tra il mare e la pineta, a sud, magari nella splendida zona dell’estuario insabbiato della Fossa Camilla, oppure ancora più giù, fino a Marina di Castagneto Carducci e oltre.
La troupe di Italyzone ha scelto il tratto di spiaggia davanti al resort I Sorbizzi, vicino al Castello di Marina di Bibbona, l’abbiamo scelto come nostro quartier generale perchè è in una posizione strategica per visitare gran parte della Toscana … e perchè i titolari Alessia e Leonardo ci hanno promesso di svelarci tanti segreti e itinerari nella zona …

In Bicicletta in Pineta fino a Marina di Cecina

Un itinerario che vale la pena di fare in bicicletta è il sentiero nella pineta che porta, costeggiando la spiaggia, da Marina di Bibbona a Marina di Cecina.
All’interno della Riserva Naturale dei Tomboli di Cecina si percorre un vero e proprio tunnel dove la luce del sole fatica a entrare a causa della fittissima pineta, un’oasi di ombra rigenerante soprattutto nelle calde giornate estive.

Bolgheri e il viale dei cipressi

Bolgheri, famosa per i celebri cipressi cantati dal Carducci nella sua “Davanti a San Guido”. Il viale, che porta da Bolgheri a San Guido, ed è lungo circa cinque chilometri, fu costruito tra la fine del ‘700 e l’inizio del secolo successivo mentre gli oltre 2300 cipressi furono aggiunti a partire dal 1832.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Le spiagge bianche di Rosignano Solvay

Le Spiagge Bianche costituiscono un tratto di circa quattro chilometri del litorale sabbioso del comune di Rosignano Marittimo in Toscana, tra le frazioni di Rosignano Solvay e il centro della frazione di Vada. Bagnate dal Mar Ligure, si trovano all’estremo lembo settentrionale della costa della Maremma.

L’insolito colore della sabbia, motivo per cui la spiaggia viene paragonata alle coste tropicali, è conseguenza di anni di lavorazione e degli scarichi di carbonato di calcio da parte di un impianto del gruppo Solvay, situato a Rosignano Solvay, a circa un chilometro dalla costa.
A causa degli scarichi della Solvay le Spiagge Bianche sono state tra le più inquinate d’Italia, per fortuna il problema è stato significativamente risolto a partire dagli anni 2000 con l’eliminazione del mercurio dal ciclo di fabbricazione Solvay.
Nonostante tutto questo tratto di costa è stato premiato più volte con la Bandiera Blu e le Spiagge Bianche rimangono una delle mete balneari più frequentate della Toscana.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Il Golfo di Baratti

Il Golfo di Baratti è un golfo che si apre all’estremità sud-orientale del Mar Ligure, posto all’estremità settentrionale del territorio comunale di Piombino, lungo le coste della penisola italiana.
A sud il golfo è delimitato dalla Torre di Baratti, una in prossimità del porto di Baratti, ai piedi delle estreme pendici settentrionali del promontorio di Piombino e del borgo di Populonia.
Nei tratti retrostanti il golfo si sviluppa una pineta, caratterizzata dalla presenza di pini marittimi e domestici, che si interrompe sia all’estremità settentrionale dell’insenatura che nella centrale dove si sviluppa la necropoli. Nel sottobosco sono presenti numerosi arbusti della macchia mediterranea.
Il Porto di Baratti è il porto dell’omonimo golfo che si apre a nord del promontorio di Piombino, all’estremità settentrionale del suddetto territorio comunale. Il porto turistico si trova sul Mar Ligure proprio ai piedi di Populonia e dinanzi all’area archeologica etrusca.

Una curiosità è il fatto che il Golfo di Baratti sia attraversato dal 43º parallelo dell’emisfero boreale.
Il 43° parallelo è lo stesso che attraversa Santiago de Compostela (Spagna), Lourdes (Francia), Assisi (Italia) e Medjugorie (Bosnia Erzegovina), luoghi spirituali nel mondo.
In Italia questo parallelo oltre a Baratti attraversa molte zone turistiche interessanti e differenti tra di loro come Grottammare, Ripatransone e Sarnano nelle Marche, Spello, Bettona e Assisi in Umbria e Campiglia e Roccastrada in Toscana.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Populonia

La Rocca di Populonia si trova in posizione panoramica nell’omonima frazione di Piombino e domina, da un’altura, il golfo di Baratti, la costa a nord di Piombino e il tratto di mare tra la terraferma e l’arcipelago toscano.
Populonia è stata in antichità una delle più grandi ed importanti città etrusche e romane.
L’antico abitato si trova in posizione dominante su di uno dei promontori che formano il golfo di Baratti e conserva fortificazioni del XV secolo ad opera dei Signori di Piombino, gli Appiani, come testimoniato dal dragone simbolo della casata posto sopra l’ingresso del borgo.
In epoca romana lo storico latino Tito Livio ci informa che nel 205 a.C. Populonia fornì a Scipione l’Africano il ferro necessario per la spedizione in Africa, durante la seconda guerra Punica.
Presso l’attuale abitato sono visibili i resti della città antica, la necropoli di Populonia con le mura etrusche e resti di edifici di epoca romana.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Suvereto

Suvereto è un piccolo borgo medievale dalle mura merlate, inserito tra i borghi più belli d’Italia.
Da qui potrebbe ragionevolmente partire un “itinerario del vino”, la Val di Cornia infatti è sede di molte aziende vinicole di prestigio e fa parte dell’Associazione nazionale Città del Vino.
Il toponimo deriva dal latino “suber”, sughero, Sovereto è il “bosco dei sugheri”.

Per molti Suvereto è la “capitale del cinghiale”, un buon punto per iniziare un itinerario enogastronomico in maremma.
Un angolo di Maremma, in provincia di Livorno, che negli ultimi vent’anni è diventata fertile per la produzione vinicola, in particolare del Sangiovese, e per la produzione dell’olio toscano igp.
Nel comune di Suvereto è possibilie visitare il Parco Naturale di Montioni, facente parte del sistema dei Parchi della Val di Cornia, un parco caratterizzato da una ricca fauna, rari esempi di floratipicamente mediterranea e importanti monumenti di epoca napoleonica recentemente ristrutturati nella piccola frazione di Montioni, quali le terme, cosiddette “della Baciocca” ed un obelisco commemorativo dedicato ad Elisa Bonaparte.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Volterra

Volterra è una città dal caratteristico aspetto medievale, racchiusa quasi completamente entro la cerchia delle sue mura duecentesche.
Volterra è rimasta, nei secoli, quasi uguale a se stessa con i suoi quattro borghi medievali, raccordati alla città da strade in salita.
E’ una città di pietra, di pietra sono le strade, di pietra sono le sue torri e i suoi palazzi e di pietra sono le sue mura difensive.
E di pietra, precisamente di alabastro, è anche il suo artigianato.
Il termine “alabastro” è di origine egizio e forse deriva dall’antica città di Alabastron, celebre anticamente per la fabbricazione di vasetti e di anfore destinati a conservare i profumi.
Esistono due varietà d’alabastro: l’alabastro orientale (carbonato di calcio) e quello gessoso (solfato di calcio idrato).
L’artigianato etrusco si serviva abbondantemente di questa pietra e anche l’artigianato contemporaneo porta avanti la tradizione grazie alle botteghe artigiane rimaste nel centro storico e a quei pochi veri artigiani che in esse lavorano ai quali è affidata la conservazione della tradizione.


Visualizzazione ingrandita della mappa

slide