Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Toscana»Firenze»Certaldo

Certaldo

Certaldo

La storia di Certaldo è documentata dal 1164 quando Federico il Barbarossa concesse il territorio ai Conti Alberti che vi esercitarono il dominio fino alla fine del 1200.
Il “Castello”, l’antico borgo, è raccolto entro le mura ancora in buona parte conservate su cui si aprono la Porta Alberti, la Porta al Sole e la Porta al Rivellino.
Il “rivellino” rappresentava con le sue mura una difesa esterna al borgo per dominare il sottostante fondovalle con l’importante via Francigena. Si accede al borgo risalendo le più antiche e affascinanti ripide vie dette Costa Alberti e Costa Vecchia oppure la più moderna via del Castello.

Il Palazzo Pretorio, edificato nel XII sec., fu residenza dei Conti Alberti, poi ampliato e modificato per accogliere le funzioni del Vicariato.
Nel Palazzo e nella attigua chiesa dei SS. Tommaso e Prospero (dei primi del XIII sec.), oggi sconsacrata, si ammirano affreschi e sinopie del XV e XVI sec. Patria di Giovanni Boccaccio (1313-1375).

Lo scenario è quello di un raro esempio di urbanistica dal forte carattere medievale – anche se con sviluppi rinascimentali – che culmina nell’imponente Palazzo Pretorio posto alla sommità, la cui facciata, come l’atrio ed il cortile, reca le insegne dei diversi Vicari fra cui i bellissimi stemmi in terracotta invetriata della bottega dei Della Robbia.

A Certaldo si trova Casa Boccaccio, una torre ed una loggia ricostruita dopo l’ultima guerra mondiale, è oggi sede del Centro Nazionale di Studi sul Boccaccio con una ricca biblioteca.
A Certaldo si trovano anche parecchi alberghi, per chi avesse intanzione di soggiornare in questo paese.

Share Button