Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Puglia»Taranto

Taranto

Taranto è detta la “città dei due mari”, perchè si trova a 15 metri di altezza tra il mare aperto chiamato “mare grande” e un’ampia laguna a due bacini detta “mare piccolo”.
I lavori per rendere navigabile il canale artificiale tra il Mare Piccolo e il Mare Grande, furono ultimati nel 1886.
Fin dall’antichità’ questo mare interno, dal clima temperato, le coste verdeggianti, l’acqua dolce e pura delle sorgenti, la pesca varia ed abbondante, dovette sembrare un luogo incantato sia per chi lo scelse come residenza, sia per i naviganti del Mediterraneo, che vi trovarono un porto sicuro e ricchezza di prodotti, come il bisso, la porpora, le ceramiche.
Il suo lungomare, ricco di palme e di oleandri è uno dei più belli d’Europa. Si ricordi che Taranto, durante la prima guerra mondiale fu la principale base della flotta italiana.

Zona ricca di sorgenti sottomarine di acqua dolce, che favoriscono la miticoltura e l’ostricoltura che si sono sviluppate  nel Mar Piccolo.

Da visitare a Taranto: Villa Peripato, un bellissimo parco  posto lungo il mar Piccolo nella città nuova; il Museo Oceanografico, con numerosi esempi di fauna marina; il Museo Archeologico Nazionale che, dopo quello di Napoli, è il più importante dell’Italia Meridionale per quanto riguarda la produzione artistica della Magna Grecia.
Poi in Piazza Garibaldi sono degni di una visita Villa Garibaldi e Palazzo degli Uffici, che risale al del XIX secolo.

Nella città vecchia vale la pena di vedere il Castello, costruito alla fine del ‘450 e successivamente ampliato e nella retrostante piazza Castello è il Palazzo del Comune.

Successivamente, percorrendo via del Duomo si incontrano il settecentesco Palazzo D’Ayala-Valva, e  il Duomo di S.Cataldo, eretto attorno al Mille e in seguito rimaneggiato, con una facciata barocca.

Sempre in via Duomo si trova, inoltre, la bella Chiesa di S.Domenico Maggiore, eretta intorno al Mille e riedificata agli inizi del Trecento.

Share Button