Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Piemonte»Torino

Torino

.
Torino è la città “con la più bella posizione naturale”, lo sosteneva Le Corbusier, per la sua straordinaria collocazione baricentrica che le permette di essere a un’ora di viaggio dalla montagna, a breve distanza da Genova con le spiagge della Riviera Ligure e, poco più in là la Costa Azzurra; a un’ora di macchina dal distretto dei Laghi, il Lago Maggiore e il Lago d’Orta circondati dal massiccio del Monte Rosa; dalle colline delle Langhe e del Monferrato, terre del savoir vivre piemontese con le loro specialità enogastronomiche e l’incanto dei piccoli borghi ed, infine, dalla Corona delle Delizie ovvero le Residenze Sabaude dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Tutto entro un raggio di cento chilometri dal centro di una città che, è il caso di dirlo, è il “centro di tutto”.

Torino è storia. In città troviamo testimonianza di tutte le importanti epoche storiche dai reperti egizi conservati al Museo Egizio (il secondo per numero di reperti e per importanza dopo quello del Cairo) ai capolavori di Leonardo da Vinci come l’Autoritratto a sanguigna conservato presso la Biblioteca Reale, dai palazzi liberty alle chiese barocche, dai simboli della Cristianità come la Sacra Sindone a quelli della contemporaneità come la Mole Antonelliana che, da qualche anno, ospita il Museo del Cinema ed è sede di eventi e manifestazioni che guardano al contemporaneo.

Torino è contemporanea. E’ riconosciuta oggi come una delle principali capitali europee dell’arte contemporanea grazie ad un tessuto capillare e intrecciato di realtà pubbliche e private, di collezioni e di Fondazioni, di musei e gallerie, di una storia di sperimentazioni che si muove dalla produzione dei futuristi a Felice Casorati, dall’Internazionale Situazionista all’Arte Povera, dalla food art alle principali avanguardie artistiche contemporanee. Un itinerario torinese dovrebbe includere la GAM (Galleria d’arte Moderna), il Museo d’arte Moderna del Castello di Rivoli e la Fondazione Sandretto Rebaudengo che in sinergia organizzano T1 – Torino Triennale Tre musei -, Palazzo Bricherasio, la Pinacoteca Agnelli, la neonata Fondazione Merz. Tra le manifestazioni legate all’arte contemporanea non bisogna dimenticare Artissima, Mostra Internazionale d’Arte contemporanea e tappa imprescindibile del tessuto internazionale delle forme espressive. A queste si aggiungono una serie di altre realtà ed eventi che fanno di Torino, attualmente, la città più all’avanguardia d’Italia, vero e proprio centro propulsore di cultura a 360°.

Torino è architettura. Culla del Barocco e del Liberty, delle Residenze Reali e dei ponti oltre che dei 18 km di portici del centro storico Torino si mostra con un abito del tutto nuovo come una matura signora che sceglie di rifare il Suo preziosissimo guardaroba…e la trasformazione è sotto gli occhi di tutti. La rivoluzione urbanistiche avviata con i Giochi ha restituito ai torinesi una città più bella, più vivibile, con un sistema viario più fluido. E’ stata abbassata la ferrovia che divideva in due la città permettendo al nascita di quella che viene definita la Spina Centrale, un ampio viale che corre da sud a nord e che incrocia la linea della metropolitana. Sull’asse di questa linea si susseguono parchi urbani, parchi tecnologici, il Distretto Olimpico.
Importanti firme dell’architettura hanno trasformato la città in occasione dei Giochi Olimpici invernali: Gae Aulenti, Alessandro e Pino Zoppini, John Barrow, Arata Isozaki e ancora Renzo Piano, Massimiliano Fuksas, Mario Bellini, Mario Botta, Norman Foster, Jean Nouvel.

Torino è verde. Con 18 milioni di metri quadrati di verde e 300 chilometri di strade alberate Torino è una delle città più ricche al mondo dal punto di vista ambientale. Un patrimonio amato e goduto pienamente dai cittadini che amano trascorrere il tempo libero all’aria aperta e valorizzato da grandi progetti pubblici come il nuovo parco fluviale della Dora. C’è il Parco della Collina Torinese adatto al Trekking, composto dal Bosco del Vaj, dalla Collina di Superga fino a quella della Maddalena e a Lavoretto. Il Parco del Maisino è l’oasi naturalistica in cui vive una delle più importanti colonie europee di aironi cinerini in ambiente urbano. Chi visita Torino in bella stagione non perda una visita agli storici Giardini Reali, una gita in canoa sul Po, una passeggiata al Parco del Valentino e qualche escursione in bicicletta lungo le moltissime piste ciclabili immerse nel verde.

Torino è cinema. Il Torino Film Festival è tra i più interessanti d’Europa ed è solo la più nota delle numerose kermesse cinematografiche del capoluogo piemontese.

Torino è letteratura. Gli amanti della lettura trovano in città scrittori, editori, scuole di scrittura creativa come la Scuola Holden e la storica casa editrice Einaudi o appuntamenti di fama internazionale come la Fiera del Libro che hanno contribuito alla designazione mondiale di Torino come Capitale del Libro assieme a Roma per 2006/2007.

Torino è musica. La città è primadonna anche in questo versante dell’arte: il Teatro Regio di Torino, tempio della lirica, l’Auditorium Giovanni Agnelli, il Lingotto, l’Auditorium della Rai ospitano rassegne di primo piano nel panorama musicale internazionale. Ormai da decenni Torino è una delle città italiane più prolifiche sulla scena pop-rock nazionale.

Torino è teatro. Il Teatro Regio è il più antico e prestigioso. Le sue origini risalgono all’inizio del XVIII secolo quando Vittorio Amedeo II decise di commissionare all’architetto Filippo Juvarra la progettazione e la costruzione di un nuovo grande teatro nell’ambito del più generale riassetto urbano di Piazza Castello. L’intento venne perfezionato qualche anno più tardi da Carlo Emanuele III (incoronato re nel 1730) il quale, in seguito alla morte di Juvarra scelse di affidare il progetto all’architetto Benedetto Alfieri con la richiesta di progettare un teatro di grande prestigio. Il Regio Teatro di Torino venne edificato nel tempo record di due anni e inaugurato il 26 dicembre del 1740 diventando subito un punto di riferimento internazionale con la capienza di 2500 posti. Oggi al teatro regio vengono allestiti oltre 100 spettacoli di opera e balletto per più di 170.000 spettatori paganti e, considerando anche le altre attività che si svolgono al Piccolo Teatro Regio, altre 700 manifestazioni di vario genere. Il Teatro Regio ospita nelle proprie stagioni le più grandi compagnie internazionali di danza come il Royal Ballet di Londra, il Béjart Ballet Lausanne, La Compagnia di Balletto del Teatro Bolsoj di Mosca, il White Oak Dance Project di Mikhail Baryshnikov il Balletto Kirov del teatro Mariinskij di San Pietroburgo.

Torino è gusto. Il cioccolato, la crema di gianduia, il gianduiotto, i tartufi, la bagnacauda, i grandi vini rossi. Il caffè, il vermuth. Il piacere della tavola non è mai disgiunto da una sapiente cultura e dai vincoli con la tradizione. Tutti i sapori delle specialità torinesi e piemontesi vengono celebrati ogni due anni, assieme a molti altri, nella più grande manifestazione enogastronomia al mondo che ha scelto Torino come sede: Il Salone del Gusto, organizzato da Slow Food, associazione piemontese che ha saputo diffondere la passione per i sapori e la qualità della vita. Al Salone del Gusto si affianca Terra Madre, incontro mondiale tra le comunità del cibo. Un evento che ha il carattere dell’unicità e che ha portato a Torino più di 5000 tra cuochi, allevatori, contadini e produttori e nato per far dialogare i produttori di tutto il pianeta.
Più di recente è nata Eataly, il primo megastore del gusto in Italia, realizzato nella zona degli storici stabilimenti della Carpano, di fianco al Lingotto: una vera e propria città enogastronomia.

Share Button