Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Urbino»Cagli

Cagli

Cagli

.
Graziosa cittadina ricca di monumenti, posta lungo l’antica via Flaminia (47 km dal mare), alle pendici del monte Petrano (m.1163), là dove il torrente Bosso si unisce al Burano.
È l’antica Cale che sotto il dominio bizantino (sec. VI) fu uno dei capisaldi (insieme con Gubbio, Urbino, Fossombrone e Jesi) della Pentapoli interna o montana. Le sue origini, comunque, sono molto più antiche come testimoniato da numerosi reperti, tra i quali i noti bronzetti etrusco-italici (IV sec. a.C.), scoperti tra i resti di un santuario pagano, insieme con la cosiddetta ’testa di Cagli’.

Come città Cagli è già annoverata nell’atto di donazione del re Pipino il Breve a favore della Chiesa romana (anno 756). Si tratta della stessa città parzialmente distrutta dal fuoco appiccato dalla fazione ghibellina per sottrarla al potere della fazione guelfa (1287). Sotto la protezione di Papa Niccolò IV fu traslata appena due anni dopo (1289) dalle propaggini del monte Petrano e ricostruita nel sottostante pianoro, inglobando gli edifici religiosi e civili preesistenti che ne costituivano il borgo. Costituito nel XII secolo il libero comune, Cagli si distinse per una politica aggressiva che la portò ad assoggettare oltre cinquanta castelli, snidandone la nobiltà rurale e fronteggiando gli abati delle potenti abbazie dei suoi dintorni. Finì comunque incorporata entro i confini del ducato di Urbino così che Federico da Montefeltro la fece fortificare (1481) da Francesco di Giorgio Martini con la costruzione di un’imponente Rocca, posta sul colle dei Cappuccini, oggi purtroppo scomparsa (fatta eccezione per pochi ruderi) e collegata con un passaggio sotterraneo all’imponente Torrione a pianta ellittica tuttora esistente a valle e sede del recente Centro per la Scultura Contemporanea.

All’epoca montefeltresca risalgono anche i lavori di adattamento del medievale Palazzo Pubblico (oggi sede del Comune e del Museo Archeologico) a residenza ducale e tutta una serie di trasformazioni di antichi edifici, proseguite anche in seguito. Del periodo medievale restano la chiesa di S.Francesco e la chiesa di S.Domenico, entrambe con interni ad aula arricchiti di tele a affreschi. Altre chiese degne di nota sono la Cattedrale, quasi interamente ricostruita nel sec. XVIII, S.Angelo minore, S.Pietro, S.Maria della Misericordia, S.Giuseppe, S.Chiara, S.Filippo e S.Bartolomeo, tutte ricche di opere d’arte, comprese diverse tele del noto pittore cagliese Gaetano Lapis (1706-1773).

Share Button