Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Urbino

Urbino

Urbino

.
A Urbino, dall’alto della sua rocca, a circa 900 metri d’altezza, lo sguardo del visitatore spazia tra le vallate dei fiumi Metauro e Foglia, raggiungendo poco lontano le spiagge dell’Adriatico, San Marino, Bologna, volgendo verso le terre di Firenze, ad ovest, e Venezia, a nord. La città è piccola e pittoresca, caratterizzata da un’architettura medievale e rinascimentale, ed è conosciuta per essere uno dei luoghi universitari più rinomati ed antichi d’Italia. Gli studenti sono tanti da raddoppiare complessivamente il numero degli abitanti, oggi stimato in circa 15.600 residenti. Ottimi ristoranti che offrono cucina locale, bar ed enoteche, musei e palazzi storici, chiese e antichi oratori medievali, librerie e circoli di lettura, circoli universitari, laboratori d’arte e botteghe artigiane, negozi per gli amanti dello shopping, giardini botanici… di certo ad Urbino si trova di tutto.
A differenza di altre città storiche italiane, circondate da ampie zone di moderna periferia, Urbino è rimasta tale al periodo di sua massima espansione urbanistica, quello rinascimentale, con il duca Federico da Montefeltro. Nel corso del secolo scorso è stato creato un quartiere universitario moderno, a nord delle mura, che oggi resta completamente mimetizzato tra le colline.

Il centro storico, di notevole bellezza artistica e in bella posizione panoramica, è stato proclamato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1998. Nelle strade acciottolate del centro, nelle antiche piazze è bello passeggiare alla scoperta dei numerosi tesori di Urbino di inestimabile valore (è custodito a Urbino uno dei dipinti più famosi di Piero della Francesca, “La città ideale”).
Urbino è una città armoniosa, equilibrata, discreta e vivace. La veduta più bella la si ammira da sud-ovest, così come appare per la prima volta al viaggiatore proveniente da Firenze o da Roma: le imponenti torri gemelle con la loggia a tre piani nel mezzo si mostrano come una colossale porta alla città, aumentando enormemente l’impressione delle sue proporzioni. Un trucco architettonico ben calcolato, in realtà le torri fiancheggiano le finestre secondarie del grande Palazzo ducale, il cui ingresso principale si apre sul lato opposto, nella piazza maggiore. La città è facilmente visitabile a piedi, la si può attraversare da nord a sud in un quarto d’ora, mentre nella direzione opposta è necessario almeno il doppio del tempo a causa della differenza di livello (sono note le salite cittadine!). Ciò nonostante lo spazio intorno è grande, perché è ricco, raffinato e vivace. La vita sociale che si vive ad Urbino è ricca e variegata, con tanti Eventi e Festival in ogni periodo dell’anno.

Concepito come una città nella città, il Palazzo Ducale di Urbino è un edificio monumentale di rara bellezza e imponenza. La sua costruzione fu avviata per il duca dal fiorentino Maso di Bartolomeo, intorno alla metà del XV secolo, che venne assistito da Luciano Laurana (il cui cortile interno viene definito come uno dei massimi esempi dell’architettura rinascimentale), Francesco di Giorgio Martini, Ambrogio Barocci ed altri importanti artisti dell’epoca. All’interno, oltre le pregiate sale, ricche di elementi artistici finissimi, è ospitata anche la Galleria Nazionale delle Marche, che custodisce una delle più importanti collezioni d’arte rinascimentale di tutto il mondo: opere di Santi, Van Wassenhove (l’Ultima Cena con i ritratti dei Montefeltro e la corte), Melozzo da Forlì, Raffaello, Piero della Francesca (con la celebre Flagellazione), Paolo Uccello, Timoteo Viti ed altri artisti del XV secolo, così come una Resurrezione tarda di Tiziano.
Visitando Urbino ci si rende conto della sua laboriosità, di una particolare forma mentis che nasce molto prima della fondazione della sua Università, nel 1506, e che oggi si rispecchia nella continuità delle sue tradizioni artigianali (maiolica, lavorazione del ferro battuto, del legno), nell’industria tessile e dell’abbigliamento e in quelle poligrafiche. L’atmosfera cosmopolita regalata dai tanti studenti stranieri e dai turisti la rendono un luogo piacevole da visitare e da vivere, soprattutto nel periodo estivo quando il clima è tiepido e fresco.

Sono molte le attrazioni turistiche della città: oltre il Palazzo Ducale, anche la Casa-Museo di Raffaello (che qui nacque nel 1483), il Duomo, il Monastero di Santa Chiara, la Galleria Nazionale, l’Oratorio di San Giovanni e quello di San Giuseppe, i college universitari, le chiese, l’Accademia delle Belle Arti e tanto altro ancora.
Urbino può essere raggiunta direttamente solo in autobus o in macchina, non in treno. Le stazioni ferroviarie più vicine sono Pesaro e Fano, gli aeroporti più comodi Bologna, Ancona, Rimini e Forlì, leggi Come arrivare a Urbino.

Share Button