Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Macerata»Penna San Giovanni

Penna San Giovanni

Penna San Giovanni

.
Il nome Penna probabilmente risale all’etimologia celtica di “luogo posto su di altura, monte o rocca”; certo è che nel XII secolo il paese veniva indifferentemente chiamato Castel della Penna o Castello del Monte di S. Giovanni. Da testimonianze rinvenute sul luogo, le origini risalgono pro­babilmente al I-II sec. d.C., come distretto della colonia romana Faleria. Il paese fu fortificato in epoca medievale e fu residenza di Signori loca­li. Nel 1259, al tempo dell’oc­cupazione dei Manfredi, gli abitanti insorsero e distrussero la Rocca sulla sommità del monte. La fortezza fu poi rico­struita alla metà del ‘300 dai Da Varano, che avevano preso possesso del paese per conto del Cardinale Albornoz. Dalla metà del sec. XV fu conqui­stata e tenuta per due decenni da Francesco Sforza insieme con molti altri castelli vicini, per passare poi definitivamen­te sotto il dominio della Chiesa.o Castello del Monte di S. Giovanni. Da testimonianze rinvenute sul luogo, le origini risalgono pro­babilmente al I-II sec. d.C., come distretto della colonia romana Faleria. Il paese fu fortificato in epoca medievale e fu residenza di Signori loca­li. Nel 1259, al tempo dell’oc­cupazione dei Manfredi, gli abitanti insorsero e distrussero la Rocca sulla sommità del monte. La fortezza fu poi rico­struita alla metà del ‘300 dai Da Varano, che avevano preso possesso del paese per conto del Cardinale Albornoz. Dalla metà del sec. XV fu conqui­stata e tenuta per due decenni da Francesco Sforza insieme con molti altri castelli vicini, per passare poi definitivamen­te sotto il dominio della Chiesa.

DA VISITARE

Interessanti sono i resti del­l’antica cinta muraria, con la Porta Marina e la Portarella ubicata all’interno del paese, sulla cui volta sono visibili tracce di un affresco settecen­tesco. Degna di nota anche la Chiesa di S. Giovanni Bat­tista, del 1251-1256, restaura­ta nel 1501 e rimodernata in stile barocco nel 1736. La Chiesa di S. Francesco (sec. XV) conserva il portale origi­nale ed il pavimento in cotto; notevole l’antico convento adiacente con chiostro e log­giato. Nel Palazzo Municipale sono custoditi reperti di epoca romana ed un interessante trit­tico raffigurante la Madonna tra S. Rocco, S. Sebastiano, S. Apollonia e S. Giovanni, asse­gnabile all’ambito dei Cri­velli. La Chiesa di S. Biagio, risalente al sec. XI, ha all’in­terno una statua del Santo cui il luogo è dedicato. La Chiesa di S. Giuseppe, del 1587, è ornata di un gran rosone in gesso e presenta un alto cam­panile. La Chiesa di S. Filo­mena (sec. XIII) è a navata unica e possiede molti dipinti. Lo storico Teatro Comunale “Flora”, costruito nel 1780, presenta un portale in pietra arenaria ed affreschi ad opera di Antonio Liozzi. La Rocca è un’antica torre di avvistamen­to, ormai in stato di rudere. Da vedere anche la Pinacoteca comunale d’Arte contempora­nea.

PER SAPERNE DI PIÙ

A qualche chilometro di di­stanza dal paese si trova la suggestiva contrada di Villa Saline, che si estende fino alle sorgenti del torrente Salino da cui sgorgano salutari acque minerali salso-bromo-iodico­sulfuree naturali, le cui proprietà curative vennero scoperte già nel 1876.

DA GUSTARE

Tra i prodotti tipici locali si segnalano: l’olio extravergine d’oliva, il vino cotto, il ciau­scolo, il miele, i formaggi, la pasta fresca fatta a mano.

DA PRATICARE

Sono presenti un campo poli­valente, un bocciodromo ed un campo sportivo.

DA SCOPRIRE

Penna San Giovanni appartie­ne alla Comunità Montana dei Monti Azzurri, territorio ricco di storia, cultura e bellezze naturalistiche. Si segnalano lo splendido parco di Villa Sa­lina, con le lussureggianti vegetazioni acquatiche degli stagni naturali, ed il Parco del Monte, ubicato in un punto elevato molto panoramico.

Si possono effettuare percorsi storico-culturali e naturalisti­ci, a piedi, in mountain-bike o a cavallo.

DA NON PERDERE

Sfilata dei carri allegorici (febbraio, domenica di carne­vale); Giornata della terza età (luglio); Concerto lirico-voca­le (agosto); Sagra della polen­ta sulla “spianatoia” (ago­sto); Tombola di Ferragosto; Festa del Patrono S. Giovanni Battista (24 giugno e 29 ago­sto); Sagra ”La Castagnata” (ultima domenica di ottobre); Concerto di Natale (Dicembre).

Share Button