Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Ascoli Piceno»Monte Giberto

Monte Giberto

Monte Giberto

.
Già abitato dai Piceni e dai Romani, il territorio di Monte Giberto nel Medioevo fu pos­sedimento dell’Abbazia di Farfa, per passare nel XIII secolo a Fermo, con cui condi­vise tutte le vicende storiche fino al Regno d’Italia.

DA VISITARE

Nel centro storico si possono vedere i resti delle trecente­sche mura castellane adorne di quattro Torrioni con la Porta di accesso di accesso a forma ogi­vale, la Chiesa di Sant’An­tonio (1742), il Pala::o Co­munale (sec. XIII) e la Chiesa parrocchiale di San Nicolò (sec. XVIII) che conserva diverse tele, tra cui un’Ultima Cena di scuola fiorentina datata 1602, un gruppo ligneo policromo del XVIII secolo ed un organo del 1797 di Gae­tano Callido. Vicino alla piaz­za principale si trova la Chiesa di San Giovanni Bat­ di San Giovanni Bat­tista, ricostruita nel sec. XVIII, all’interno della quale sono custodite tele del sec. XVIII, vari affreschi ed un organo del 1876 di Vincenzo Paci. Fuori dalle mura castel­lane si può visitare il Santuario di Santa Maria delle Gra:ie, meta di pellegri­naggi ed epressione del culto mariano nella zona, edificato nella metà del XVIII secolo su disegno dell’architetto Giambattista Vassalli, nel cui interno si possono ammirare tele del Seicento, una scultura trecentesca raffigu­rante la Madonna con Bam­bino, ed un organo del 1830 di Angelo Morettini. Da vedere, inoltre, la Chiesa rurale di Santa Lucia, edificata nell’o­monima frazione nel sec. XIII, ma ristrutturata nel XVIII secolo.

DA GUSTARE

Tra le pietanze della gastrono­mia tradizionale si segnalano: lu Pizzottu, pane grezzo con farina di granoturco, uvetta e fichi secchi; la polenta condita con ragù di salsiccia, pesce, cacciagione, baccalà, “coti­che”; la Cacciannan:e, pizza rustica a base di farina, acqua, lievito naturale e sale.

DA PRATICARE

Sono presenti i seguenti im­pianti sportivi: un centro poli­valente e dei campi da tennis.

DA SCOPRIRE

Monte Giberto sorge su di un ridente colle da cui si gode una meravigliosa vista panora­mica; si trova a circa 15 km dal mare Adriatico ed a 40 km dai Monti Sibillini. All’interno del paese vi è una bellissima Pineta. Si possono effettuare suggestivi percorsi naturalisti­ci, a piedi o in mountain bike. attraverso i vecchi sentieri campestri del territorio.

DA NON PERDERE Presepe vivente (6 gennaio); La Desolata, rievocazione storica (venerdì Santo); Concerto su organi antichi, l’attività concertistica vuole valorizzare i tre antichi organi di Monte Giberto (ultimo sabato di maggio); Festa de “Lo fatte”, rievocazione storica della mie­titura e trebbiatura (metà luglio); Sagra del vino (prima metà di agosto); Ricordando i Piceni, con banchetti a base di antiche ricette picene (prima settimana di agosto); Festa del granoturco (seconda metà di agosto); Festa della Madonna delle Gra:ie (6-8 settembre); Festa d’Autunno (secondo fi­ne settimana di ottobre); Pre­sepe artistico all’aperto (dal 24 dicembre al 17 gennaio).

Share Button