Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Ascoli Piceno»Force

Force

Force

.
Le origini di Force risalgono al V sec. d.C.. quando durante le invasioni barbariche le po­polazioni del territorio vi si insediarono per proteggersi dalle incursioni. Dopo l’anno Mille Force diventò possesso dell’Abbazia di Farfa, ma già dal XIII secolo iniziò a riven­dicare la propria autonomia per diventare libero Comune. Nel 1804 ottenne da Papa Pio VII l’elezione al rango di città.

DA VISITARE

La Collegiata di San Paolo, edificata sui ruderi di un’anti­ca Chiesa farfense (sec. XII), conserva l’abside romanica ed opere di Simone De Magistris. La Chiesa di San Francesco (sec. XIX), è stata riedificata su una preesistente chiesa ro­manica su disegno di Giu­seppe Sacconi. La Chiesa sub­urbana di Santa Maria delle Grazie, ormai diruta, è in stile romanico. La Chiesa di Santo Stefano in frazione Mon­tecchio merita una visita, così come quella di San Taddeo. Da vedere, altresì, il settecen­tesco Palazzo comunale so­vrastato dalla Torre civica, il Palazzo del Priorato ed il Villino Verrucci dell’inizio del XX secolo in stile eclettico orientaleggiante.

PER SAPERNE. DI PIU’

Il Comune di Force è cono­sciuto come il “Paese dei Calderai” per la lavorazione artigianale del rame. un’antica attività introdotta nel XVI secolo dai monaci farfensi. L’origine del nome è da ricon­dursi alla sua natura di luogo di passaggio (“forca”) tra le valli del Tronto, del Tesino e dell’Aso.

DA GUSTARE

Tra i prodotti tipici tradiziona­li si segnalano: il formaggio pecorino, la polenta, l’agnello, il cinghiale, i tartufi, i funghi porcini, il vino cotto.

DA PRATICARE

Sono presenti i seguenti im­pianti sportivi: un campo da calcio, una pista per moto­cross ed un campo sportivo polivalente.

DA SCOPRIRE

Force è un’amena località situata sul crinale Aso-Tesino che ricade nella Comunità Montana dei Sibillini, un terri­torio ricco di storia, cultura e di eccezionale interesse natu­ralistico e paesaggistico. Al­l’interno del paese è presente il Parco comunale Villino Ver­rucci. La località si presta a piacevoli passeggiate storico-culturali e panoramiche attra­verso il suggestivo centro sto­rico.un terri­torio ricco di storia, cultura e di eccezionale interesse natu­ralistico e paesaggistico. Al­l’interno del paese è presente il Parco comunale Villino Ver­rucci. La località si presta a piacevoli passeggiate storico-culturali e panoramiche attra­verso il suggestivo centro sto­rico.

DA NON PERDERE Concerto dell’Epifania (6 gennaio); Fiera di San Salva­tore (lunedì dopo Pasqua); Sagra delle fave e del formag­gio (prima domenica di maggio); Festa di San Vincenzo Ferreri e Sagra del timballo e del pesce fritto in fraz. Mon­temoro (maggio); Festa Beata Assunta Pallotta e Sagra della ” Cacciannanze” (seconda do­menica di luglio); Mostra del rame e del ferro battuto (lu­glio-agosto); Festa del SS. Crocifisso e Sagra della pasta al tartufo e dei funghi porcini (seconda domenica di agosto); Antichi sapori per le vie del borgo (terza domenica di ago­sto); Festa dell’Immacolata (8 dicembre); Rassegna interna­zionale Corali polifoniche (se­conda domenica di dicembre).(lunedì dopo Pasqua); Sagra delle fave e del formag­gio (prima domenica di maggio); Festa di San Vincenzo Ferreri e Sagra del timballo e del pesce fritto in fraz. Mon­temoro (maggio); Festa Beata Assunta Pallotta e Sagra della ” Cacciannanze” (seconda do­menica di luglio); Mostra del rame e del ferro battuto (lu­glio-agosto); Festa del SS. Crocifisso e Sagra della pasta al tartufo e dei funghi porcini (seconda domenica di agosto); Antichi sapori per le vie del borgo (terza domenica di ago­sto); Festa dell’Immacolata (8 dicembre); Rassegna interna­zionale Corali polifoniche (se­conda domenica di dicembre).

Share Button