Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Ancona»Sirolo

Sirolo

Sirolo

.
Sirolo, alta sul mare, balcone dell’Adriatico, vanitosa delle sue spiagge, delle sue baie, dei suoi scogli ed insenature, è immersa nel Parco del Conero quasi ne fosse il cuore. Il centro storico, minuziosamente recuperato, rivive l’atmosfera di altri tempi. La piazzetta, fulcro mondano ed elegante, è il punto di ritrovo per l’aperitivo serale in un panoramico salotto sul mare, prima di gustare i sapori firmati dagli chef sirolesi o una curatissima rappresentazione al Teatro Cortesi.

Trae le sue origini da epoche remotissime che recenti ritrovamenti archeologici datano ad oltre centomila anni fa. La tradizione vuole che il nome derivi da Sirio, condottiero medievale cui fu donato il luogo dove fu eretto il castello da Belisario, dopo la vittoria sui Goti del 560. L’area era già abitata, in epoca romana, come dipendenza del municipio di Umana. Intorno all’XI secolo venne fortificato dalla famiglia dei Cortesi.

Il mare di Sirolo è ricco di orate, dentici, saraghi, polipi, sogliole e soprattutto spigole, che da queste parti vengono chiamate “varoli”, da gustare bolliti o arrostiti sulla graticola. Altre squisitezze sono gli spaghetti “allo scoglio”, le cozze alla tarantina e le zuppe di pesce. Prodotto tipico di questa terra è il vino “Rocco Conero” il cui vitigno viene coltivato su quasi tutte le colline della zona.

La notevole importanza svolta dall’area del Conero nell’ambito della civiltà Picena, attestata dalle ricche necropoli scoperte da tempo, è ulteriormente confermata dal recente ritrovamento in località “I Pini” di Sirolo, di un notevole sepolcreto Piceno, contraddistinto dalla presenza di sepolture a circolo. Tra le tombe venute alla luce si distingue la sepoltura a circolo della Regina di Sirolo, tumulata con due carri (VI sec. a.C.). la società picena arcaica, oltre che da re e principi, è costituita anche da regine e principesse. Il ruolo dei primi, viene evidenziato dalle armi e dai ricchi corredi deposti nelle loro sepolture.

Badia di San Pietro al Conero, Chiesa della Madonna del Rosario, Chiesa Parrocchiale di San Nicolò, cinta Medioevale con il Torrione, Teatro Cortesi, Villa Vetta marina, vicoli del centro storico.

Fonte: www.rivieradelconero.it

Share Button