Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Ancona»Offagna

Offagna

Offagna Castello

.
E’ un tipico paese della Marca Anconetana che fece parte, nei secoli XIII e XIV, del territorio di Osimo, per passare quindi, nel 1445, ad Ancona. Il suo nome sembra derivare dall’illustre famiglia degli Afrani, proprietaria in epoca romana di un vasto latifondo corrispondente all’odierna Offagna. La storia del borgo si identifica con quella della scenografica Rocca, innalzata dagli Anconetani a scopo di difesa.

E’ una delle rocche più belle e imponenti dell’intera regione quella di Offagna, edificata tra il 1454 ed il 1456 sui ruderi di un preesistente castello e poggiante su di un grande scoglio di tufo che ne aumenta la validità difensiva. E’ provvista di una cinta muraria di primo impatto, rafforzata da torri, e rappresenta un raro esempio di fortificazione di transizione, probabile frutto dell’ingegno di maestranze lombarde. Conserva ancora intatto il massiccio mastio, sul quale è posta una splendida campana in bronzo del 1477 fusa da tale Jacobus de Istria. Nei suoi locali è allestito un documentato Museo delle Armi Antiche. Da vedere anche l’interessante Museo di Scienze Naturali Luigi Paolucci, comprendente raccolte paleontologiche, mineralogiche, zoologiche e botaniche, indispensabili per capire l’evoluzione del territorio marchigiano. Sono opera dell’architetto Andrea Vici, allievo del Vanvitelli, la Chiesa del SS. Sacramento (sec. XVIII), il Monastero e la Canonica della Chiesa parrocchiale di S. Tommaso. All’interno della chiesa di S. Lucia è possibile ammirare un Crocifisso ligneo del XVII secolo.

Lungo le colline che collegano Offagna a Polverigi, Agugliano e Camerata Picena, sono presenti interessanti percorsi storico-artistici, tanto che il territorio è indicato come la terra dei castelli. A questi piccoli comuni, posti fra i fiumi Esino e Musone, era un tempo affidata la protezione della città di Ancona, tramite un possente sistema difensivo ordinato in due cerchie concentriche che comprendeva una quindicina di strutture tra borghi fortificati, castelli, rocche.

Si segnala la produzione del vino d.o.c. Rosso Conero e di un ottimo olio di oliva.

Fonte: Regione Marche, Assessorato al Turismo

Share Button