Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Marche»Ancona»Castel Colonna

Castel Colonna

Castel Colonna

.
Piccolo centro storico che sorge su uno sperone natura­le, Castel Colonna è un pitto­resco paese dalle origini incerte: tra le varie, l’ipotesi più accreditata è che sia stato fondato dai profughi dell’an­tica di città di Suasa, distrutta da Alarico nel 409.

Tra i secoli XIII e XV l’intero territorio di Castel Colonna apparteneva ai monaci bene­dettini di Fonte Avellana che vi avevano diversi caseggiati e magazzini. In seguito di­venne proprietà del Ducato di Urbino e dal 1631 passò in devoluzione allo Stato della Chiesa.

DA VISITARE

L’elemento saliente del borgo è la bella porta bastionata, in laterizio, risalente al secolo XIII, conosciuta come Torre Vittoria Colonna; interessante anche la cinta muraria del XIII secolo che, nonostante gli interventi successivi, pre­senta nella parte più antica una scarpata con parapetto e cornice di beccatelli. Da visi­tare anche la Chiesa di S. Mauro Abate.

PER SAPERNE DI PIÙ

Sino al 1921 Castel Colonna era conosciuta come Tomba di Senigallia. L’abitato è si­tuato su un leggero pendio, racchiuso dalle mura con una caratteristica pianta a forma di nave. A distanza dal nucleo originario si è sviluppata una nuova area urbana di carattere prevalentemente residenziale in località Croce.

DA GUSTARE

Il territorio si segnala per la produzione di un ottimo vino biologico. II paese sta poi per ottenere il riconoscimento di un suo prodotto tipico, il sala­me di Frattula.

DA PRATICARE

È presente un Parco verde con dei laghetti per la pesca sporti­va; gli appassionati di sport possono utilizzare un attrezza­to campo sportivo.

DA SCOPRIRE

In località Francavilla è pre­sente l’antica Chiesa della Misericordia, con annesso un fabbricato con arcate cieche che costeggia i due lati del sagrato lastricato e delimitato da un cancello. Una bella alberatura conduce al com­plesso, un tempo antico Con­vento dei monaci Camaldo­lesi.

Si segnala il bel tratto di stra­da tra la folta vegetazione lungo il Fosso della Bruciata, ai confini con il comune di Senigallia. Numerosi sono gli scorci panoramici che si godo­no nel territorio: in particolare nella zona della Croce, al di sopra dell’alta collina di Mon­tesaltello, nel poggio di Francavilla, nella contrada Consolazione e lungo la strada per Roncitelli.

DA NON PERDERE

Festa della Sega vecchia — (metà Quaresima); Festa del — salame di Frattula (gennaio, — aprile); Concorso di pittura — (fine luglio primi di agosto); — Festa della Patrona S. Marina (17 luglio); Festa d’estate (secondo fine settimana di agosto).

Share Button