Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Lombardia»Pavia»Vigevano

Vigevano

Piazza del Duomo

.
Circondata dai boschi del Parco del Ticino, a soli 30 chilometri da Milano, Vigevano accoglie il visitatore con l’armonia della celebre Piazza Ducale: “una sinfonia su quattro lati” secondo la definizione del grande maestro Arturo Toscanini.
Ideata dal Bramante con il concorso di Leonardo da Vinci, Piazza Ducale è l’ingresso d’onore all’imponente Castello, per estensione uno dei più grandi d’Europa e in fase avanzata di restauro e di riuso grazie all’organizzazione di mostre e alla prossima apertura di musei.

Città d’arte ma anche città d’acque, Vigevano è attraversata da canali e dal fiume Ticino che offre scorci e oasi naturali di indubbio fascino.

Da Ludovico il Moro a Eleonora Duse, allo scrittore Lucio Mastronardi, sono tanti i personaggi che hanno visto la luce in una città, ancora oggi nota in tutto il mondo per la produzione di scarpe di qualità e per la sua industria meccano-calzaturiera.

Piazza Ducale
E’ una delle più affascinanti piazze d’Italia. La sua ideazione e decorazione sono opera di Bramante. Leonardo da Vinci, anche se non partecipò direttamente ai lavori, lasciò disegni e testimonianze scritte nei suoi famosi codici d’appunti.
La volontà di realizzare la Piazza è del duca di Milano Ludovico il Moro che la pensò come anticamera nobile, regale cortile d’ingresso all’imponente Castello.
I lavori iniziarono nel 1492 e si conclusero nel 1494. Piazza Ducale rappresenta uno dei primi modelli di piazza rinascimentale sul modello del “forum” romano e uno dei migliori esempi dell’architettura lombarda del XV secolo.

Si presenta come un rettangolo allungato di 134 metri di lunghezza e 48 di larghezza edificato su tre lati (il quarto è occupato dalla Chiesa cattedrale).
Questa forma architettonica è opera del vescovo-architetto Juan Caramuel Lobkowitz che chiuse il quarto lato con la facciata barocca della Chiesa Cattedrale.
Sotto i portici le botteghe, un tempo occupate dai commercianti di lana e seta, oggi offrono ai visitatori occasioni di conforto e relax (caffe- bar, gallerie d’arte) e di shopping di qualità (abbigliamento, gioielli, calzature.)

Il Castello
Sorge nella parte più alta di Vigevano e costituisce una piccola città nella città, essendo per estensione uno dei più grandi complessi fortificati d’Europa.
Alla sua realizzazione, che ancor oggi conserva tutto il fascino rinascimentale, contribuirono artisti come Bramante e Leonardo. Tra il 1492 e il 1494 i lavori erano terminati e le lussuose sale interamente affrescate, gli appartamenti ducali, e capienti scuderie per ospitare cavalli, il grande cortile ove si svolgevano tornei, erano pronti per ospitare la corte ducale e i “vip” del tempo, come il potente re di Francia Carlo VIII e, più avanti l’imperatore Carlo V.

Con la fine della dinastia sforzesca (1535) il castello passò agli spagnoli e iniziò un lento declino che lo vide ospitare solo eserciti e trasformarsi in caserma fino al 1960.
Da quella data è iniziato il restauro ed il Castello si sta trasformando in una cittadella dell’arte e della cultura grazie ai suoi musei visitabili – tra cui il curioso e unico in Italia Museo della calzatura – e a un ricco programma di mostre ed eventi musicali nel corso di tutto l’anno.

Share Button