Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Lombardia»Milano»Melegnano

Melegnano

Melegnano

.
Cittadina della provincia di Milano sul Lambro.
Fiorenti l’apicoltura e l’industria casearia, tessile (linificio e canapificio) e chimica.

Notevoli il castello, già Visconteo, poi dei Medici, che lo ampliarono nel 1535 e la chiesa prepositurale di S. Giovanni Battista, forse risalente al IV sec., ma ricostruita nel 1418, dove si può ammirare un Battesimo di Cristo del Bergognone (1506). Borgo fortificato sin dall’alto Medioevo, nel 1238 fu distrutto da Federico II in odio ai Milanesi, i quali lo riedificarono poco dopo (1243) e vi posero a guardia il castello, di cui si impadronirono nel 1278 i Torriani e più tardi i Visconti. Di questi fu soggiorno preferito, e Gian Galeazzo vi morì nel 1402.

Carlo V eresse Melegnano a marchesato a favore del condottiero Gian Giacomo Medici detto “il Medeghino” e dei suoi discendenti (1532).

“Il campo della Battaglia dei Giganti”
A Zivido di S. Giuliano Milanese, esiste un antico borgo medioevale con una chiesetta votiva eretta a memoria della famosa battaglia.
Tra Zivido e Mezzano, nella valle del Lambro e della Vettabbia, si combattè tra il 13 ed il 14 settembre 1515 la Battaglia dei Giganti o di Marignano (antico nome di Melegnano).

Battaglia di Melegnano:

La prima celebre battaglia di Melegnano venne combattuta il 13 e il 14 settembre 1515, durante le lotte tra la Francia e l ‘Impero per la supremazia in Italia, fra le truppe di Massimiliano Sforza e i Franco-Veneziani. Questi ultimi, 60.000 uomini circa, erano comandati dal maresciallo Gian Giacomo Trivulzio; si trovava fra essi il valorosissimo P.Bayard.

Il nucleo di gran lunga più efficiente degli avversari era costituito da ben 35.000 Svizzeri; furono questi ultimi ad attaccare il 13 settembre, non curanti del fuoco micidiale dell’artiglieria francese, la quale in parte fu catturata. All’alba del 14 settembre gli Svizzeri ripresero l’attacco con rinnovato vigore: la battaglia, che si protraeva incerta, venne risolta dalla cavalleria Veneziana comandata dal generalissimo Bartolomeo d’Alviano.

La vittoria franco-veneziana sulla battaglia di Melegnano, chiamata dal Trivulzio la “battaglia dei giganti”, ebbe come conseguenza l ‘insediamento dei Francesi in Lombardia (trattato di Noyon 1516). La seconda battaglia di Melegnano ebbe luogo l’8 giugno 1859 nel corso della seconda guerra d’indipendenza.

Dopo la battaglia di Magenta, il generalissimo austriaco F. Gyulai aveva ripiegato con l’esercito verso Verona; mentre Vittorio Emanuele II e Napoleone III entravano in Milano, il 1° corpo d’armata francese, agli ordini del maresciallo A. Baraguay d’Hilliers, attaccò a Melegnano una brigata austriaca, che vi si era sistemata a difesa, in posizione di retroguardia.
Nell’azione, si distinsero in particolare gli Austriaci e tuttavia, posti in salvo alcuni loro reparti, dovettero proseguire nella ritirata su Lodi.

APT Milano

Share Button