Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Liguria»Savona»Alassio

Alassio

Il famoso Muretto di Alassio

Alassio e la sua spiaggia: raro trovare una sabbia cosi fine, così pulita, così morbida in Liguria…
Poco meno di quattro chilometri di spiaggia di quarzo e calcare finissimo che scende in mare dolcemente, quasi senza pendenza.

Una spiaggia e un mare benedetti da un clima tra i più miti della Riviera, un sole autunnale e primaverile che invita a tuffarsi in mare e nuotare quando altrove ormai piove e tira vento, o quando ancora le nebbie velano la campagna.
Tutto questo forse ai primi abitanti di Alassio non interessava molto. O forse sì, visto che erano scesi dalle colline nell’Alto Medioevo per diventare pescatori nella baia tra capo Santa Croce e capo Mele.

Il borgo divenne poi possesso dei monaci della Gallinara, indi del comune di Albenga.
Col declinare delle fortune di Albenga entrò nella sfera d’influenza genovese mantenendo l’indipendenza e una notevole floridezza.
Ne sono testimonianza i palazzi nobiliari, come il settecentesco palazzo dei marchesi Ferrero de Gubernatis Ventimiglia, in piazzetta Ferrero, che conserva sale riccamente decorate e la camera dove pernottò Napoleone.

Il carattere tipicamente ligure del centro storico di Alassio si intuisce in via XX Settembre più nota come il budello: è il lungo caruggio parallelo al mare che corre stretto fra case cinque e secentesche e moderni negozi dalle vetrine ricercate; un bell’edificio nobiliare della via è il palazzo Scofferi, col suo Crocifisso cinquecentescoattribuito al Giambologna.

Perpendicolare al budello, gli esci, gli stretti vicoli che portano al mare.
Tra il ricco patrimonio di chiese alassine la più importante è la parrocchiale di Sant’Ambrogio, sull’omonima piazza.

Era un fiorente borgo di pescatori, Alassio, ma con la nascita del turismo internazionale d’elite è diventato uno dei più eleganti centri della Riviera, circondato dal verde e dai fiori dei suoi giardini e delie sue ville sparse sulla collina.
Niente aerei né autostrade alla fine dell’Ottocento; allora i signori viaggiavano in carrozza, prima, e in treno, poi; la ferrovia avvicinò la Liguria alle capitali europee, e grazie al treno si  costruirono lussuosi alberghi e stabilimenti balneari.

Era l’epoca del Liberty, e la stazione di Alassio è decorata e arredata secondo questo stile fiorito, colorato e elegante.
La passeggiata a mare segue la spiaggia con gli ombrelloni affacciati sul mare limpido e poco profondo, una vera gioia per i bambini.
Eleganti e ordinati, gli stabilimenti balneari animano la spiaggia, distinti l’uno dall’altro per i diversi colori che ravvivano le cabine, gli ombrelloni e le sdraio. Bar e ristorantini aperti lungo la passeggiata permettono di interrompere la giornata di mare per gustare qualche specialità culinaria locale senza abbandonare la spiaggia.

Sono assolutamente da non perdere i dolci tipici, i baci e le biscette, frittelle dolci insaporite all’anice a forma di serpentello che ricordano l’antica leggenda di una invasione di vipere.

Dopo una giornata di sole e di mare ci si può ancora dedicare all’attività fìsica frequentando i numerosi impianti sportivi: palazzetto dello sport, piscina, minigolf, tennis, circoli ippici (ben cinque), o passeggiando lungo i 25 sentieri ben segnalati sulle colline. E per coloro che amano la vela vi sono 400 posti barca nel porticciolo turistico.
Non dimentichiamo il famoso e bellismo golf di Garlenda.

Non mancano i locali e le discoteche, che attirano giovani da tutta la Riviera e ovviamente gli alberghi, indicati per qualsiasi tipo di soggiorno, situati sia nel paese che nelle vicinanze.

Fonte: APT Riviera delle Palme

IL NOSTRO VIDEO DI ITALYZONE SU ALASSIO 

ALASSIO E’ ANCHE LA CITTA’ DEI BACI, IL DOLCE TIPICO, I BUONISSIMI BACI DI ALASSIO.

Share Button