Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Liguria»Imperia»Sanremo»Casinò in Italia? Sanremo l'eccellenza

Casinò in Italia? Sanremo l'eccellenza

Bello, antico ed elegante, un pezzo di storia d’Italia e d’Europa, un luogo da visitare: è il Casinò Municipale di Sanremo. Si stratta di un bell’edificio stile liberty progettato dall’architetto francese Eugène Ferret.
Un edificio che di per sé è la massima espressione del liberty in Italia, uno di quei luoghi che deve essere visto una volta nella vita. Tavoli verdi e tanta storia lo caratterizzano.

casino sanremoInaugurato il 12 gennaio 1905 con il nome di Kurzaal vede persino un importante assassino quello del dott. Andrea Fileti . Il Casinò di Sanremo viene gestito dallo stesso architetto che lo aveva progettato arricchendolo con un bel teatro dove in quel periodo si organizzavano feste e ricevimenti, spettacoli e quant’altro. Un punto di attrazione turistica e ricettiva tra i più belli di tutta la Liguria. All’interno come è noto si praticava il gioco d’azzardo, però in quel periodo non serviva nessuna autorizzazione ufficiale: giocare a carte e a soldi era libero.
La storia del casinò è bella e misteriosa, basta pensare che i primi croupier non erano italiani ma provenivano da una delle scuole più rinomate d’Europa, quella di Ostenda, in Belgio. Intanto la Prima Guerra Mondiale devasta il Paese e nonostante tutto tra alti e bassi soldi, carte e dadi continuano a alleggerire le serate sanremesi.

Ufficialmente però il Casinò di Sanremo, luogo dove poter praticare il gioco d’azzardo si inaugura soltanto nel 1927 quando il locale podestà, l’ingegnere Pietro Agosti ottiene da Benito Mussolini il Regio decreto del 22 dicembre, ottenendone l’autorizzazione.
A gestire la casa da gioco in quell’epoca era la Società Anonima Casinò Municipale di Sanremo diretta da Luigi De Santis.
Nuovi locali vengono costruiti e all’interno si allestisce un salone in stile cinquecentesco con le belle e grandi cupole che caratterizzano la facciata: qui si organizzavano tornei tra cui il Torneo scacchistico internazionale di San Remo svolto nel 1930. Ma il Casinò di Sanremo di per sè era in quegli anni una delle maggiori attrazioni della costa tanto è vero che persino una rete tranviaria era stata progettata: la tratta della tranvia Ospedaletti-Sanremo-Taggia aveva una fermata proprio difronte all’edificio per agevolare l’utilizzo del mezzo persino nelle ore tarde.

Intanto si avvicina la Seconda Guerra Mondiale e la realtà cambia, per equilibri politici viene cambiato il nome della società che nel 1934 diventa Società Anonima Iniziative Turistiche (SAIT) e nel 1935 il cavalier Angelo Belloni ne diventa il direttore generale. Nel 1940 a causa delle guerra il casinò viene chiuso con decreto del Ministero dell’Interno per riaprire subito dopo il conflitto. La storia prosegue e negli anni il Casinò di Sanremo diventa un luogo di gioco tra i più noti al mondo, probabilmente il più bello. Una tappa è fatta d’obbligo in particolar modo durante un viaggio in Liguria, che si sia appassionati o no di gioco il fascino della struttura quotidianamente attrae migliaia di viaggiatori e turisti. Oggi d’altronde per giocare non serve andare a Sanremo ma basta usare il codice bonus titanbet.

Share Button