Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Liguria»Genova»Val d'Aveto

Val d'Aveto

Val d’Aveto

La Val D’Aveto è probabilmente la vallata paesaggisticamente più bella e varia della Provincia di Genova. Verdissima d’estate e spesso imbiancata in inverno, è metà di turismo sia estivo che invernale ed il turismo in questa vallata può rappresentare una interessante esperienza alternativa alle mete consuete del turismo su larga scala: qui la natura segue ancora i suoi ritmi, l’agricoltura sembra ancora legata al suo lato umano ed anche l’industria non si è trasformata in sfruttamento intensivo di terreni ed animali.
La Valle, inoltre, è stata punto di riferimento storicamente attivo ed importante nel corso dei secoli; strategicamente posizionata tra il mare e la pianura padana ha infatti rappresentato un nodo importante già in epoca feudale.
Attualmente i centri di maggiore importanza nel territorio sono rappresentati da Rezzoaglio e Santo Stefano D’Aveto, località che testimoniano la vocazione da un lato agreste e dall’altro turistico-montana a cui abbiamo sopra fatto riferimento.
Proprio per cercare di mantenere intatto il paesaggio di questa vallata, alcune zone sono diventate “Aree protette della Regione Liguria”: la grande Foresta delle Lame, ad esempio, con la sua riserva orientata delle Agoraie, ed i suoi laghetti di origine glaciale.
Ancora, il Monte Maggiorasca ed il Monte Penna (tra i più alti della Liguria) offrono varie soluzioni per sfruttare una vacanza nel verde: sono infatti un’ottima occasione per fare trekking ma offrono anche sentieri adatti per chi vuole semplicemente passeggiare a piedi oppure a cavallo. Esistono, infatti, centri attrezzati e zone per l’equitazione da campagna.
Insomma sembra che chi vuole trascorrere vacanze rilassanti, non si possa comunque certo annoiare in Val D’Aveto!

N.d.R. : Alcune informazioni ed alcune immagini delle pagine della Val D’Aveto, sono state gentilmente fornite da Gabriele Besostri che ringraziamo per la collaborazione. Vi invitiamo, pertanto a visitare anche il suo sito: Vicosoprano .

Share Button