Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Liguria»Genova»Recco

Recco

Recco

Recco è oggi una ridente cittadina di circa 10.000 abitanti situata in un’ insenatura del Golfo Paradiso.
La sua fama attuale nel mondo è principalmente dovuta alla gastronomia: Recco infatti è la capitale della cucina ligure grazie alla sua rinomata focaccia al formaggio e alle sue trofiette al pesto, oltre che naturalmente a molti altri gustosissimi piatti. I ristoranti, le focaccerie e le pizzerie della cittadina ligure possono soddisfare la golosità di quasi 3.000 persone contemporaneamente; tanti sono infatti i posti a tavola disponibili. Alcuni di questi ristoranti si sono uniti nel 1976 per dar vita al Consorzio Gastronomico di Recco che organizza ogni anno le famose “Serate Gastronomiche” e che ha contribuito in questi anni a far conoscere la focaccia al formaggio in tutta Europa. Dal 1995 infatti esiste un marchio che tutela e garantisce la qualità e la tipicità della vera focaccia “di Recco”.
Fatta questa doverosa premessa, storicamente la cittadina ebbe un certo ruolo già in epoca romana quando da qui passava la tortuosa Via Aurelia: il nome romano era Ricina. Dal medioevo Recco fu strettamente legata alla Repubblica di Genova , dal 1100 circa fu amministrata dalle magistrature cittadine, retta da un Podestà fino al 1606 ed in seguito Capitanato imposto da Genova. In 2 occasioni almeno però le torri difensive sistemate sulle colline intorno alla cittadina non riuscirono a fermare i corsari saraceni che invasero la costa irrompendo tra le case e portando lutti e devastazioni: si trattava del 1557 e del 1646.
Nel ‘800 fu sede di un’importante attività cantieristica navale mentre già ai primi anni del ‘900 Recco si presentava come una cittadina di circa 3.500 abitanti con 2 acquedotti funzionanti, energia elettrica, una banca popolare, un ospedale, un teatro ed un mercato; inoltre era collegata con Genova dalla ferrovia e da vetture a cavalli.
Tutto questo durò fino alla seconda guerra mondiale quando Recco fu completamente devastata e rasa al suolo da ben 27 bombardamenti che avevano come obiettivo l’importante viadotto ferroviario che la attraversa. La documentazione fotografica di quei momenti lascia impietriti, quasi nulla della cittadina rimase in piedi, solo qualche scheletro di casa e un esteso cumulo di detriti.
La popolazione sopravissuta, tuttavia, seppe reagire alla catastrofe ed iniziò, a guerra finita, l’opera di ricostruzione che giunge fino ai nostri giorni: se visitate Recco oggi, noterete che, contrariamente agli altri tipici borghi marinari liguri, tutti le costruzioni qui sono moderne e questo forse vi farà capire meglio come qui, veramente, si sia ricostruito da zero.
Non si può non ricordare una delle manifestazioni più importanti della zona che ogni anno si organizza a Recco: si tratta della c.d. Sagra del Fuoco, grande manifestazione pirotecnica, in occasione della Festa Patronale di N.S. del Suffragio che si tiene l’8 Settembre.

Share Button