Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Liguria

Liguria

Genova, panorama

Lago delle Giacopiane

Camogli

Genova, Piazza de Ferrari

Portofino

Genova, Palazzo Ducale

Portofino

Vernazza

Isola della Gallinara

Rio Maggiore

  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9

#3399CCfadetrue

La Liguria: un lembo di terra tra il piemonte e il mare…. Una regione tanto piccola, ma tanto ricca di luoghi meravigliosi da visitare!

Dalla Riviera delle Palme ai colli di Luni, patria del Vermentino, nell’estrema Provincia est di La Spezia, città che vive per lo più grazie al suo Porto.
La Liguria offre angoli incantevoli sul mare, passeggiate nell’entroterra e palazzi antichi da visitare soprattutto a Genova che ne è il capoluogo.

GenovaCittà di antiche tradizioni, Genova, rappresenta la Liguria stessa. conta oggi poco più di 600.000 abitanti. E’ sempre stata grande grazie al suo porto ed oggi il traffico mercantile è tra i più intensi di tutto il Mar Mediterraneo e anche come scalo passeggeri rappresenta un punto strategico tra i più trafficati grazie ai traghetti ed alle linee croceristiche che collegano la Superba con tutto il resto Mediterraneo.
Uno dei simboli della città è la Lanterna , faro tuttora attivo, la cui luce può essere individuata dai naviganti a più di 30 Km.
Al visitatore di Genova, consigliamo innanzitutto di entrare nel centro storico della città, il più grande d’Europa, camminando attraverso i tipici Caruggi, le viuzze che ne compongono il paesaggio, alla scoperta di Palazzi nobili, Chiese antiche, piazzette ed angoli tipici che “respirano” ancora oggi l’atmosfera mercantile dell’epoca medievale.
Subito dopo però e’ consigliata una passeggiata per le grandi strade del ‘600 genovese in cui si affacciano i maestosi palazzi nobiliari che le grandi famiglie genovesi costruirono nel periodo in cui raggiunsero la massima ricchezza: Via Garibaldi, già Via Aurea e Strada Nuova, o Via Balbi sono l’emblema della potenza mercantile e bancaria che Genova è stata nei secoli ed oggi racchiudono Musei di levatura internazionale che sono importanti in sè per la bellezza architettonica dei palazzi e per quanto mostrano al proprio interno (Palazzo Bianco, Palazzo Rosso, Palazzo Reale, Palazzo Tursi e così via).
Se scendete a mare nel centro storico arriverete al Porto Antico, recuperata zona della Genova medievale oggi destinata ad ospitare un polo di attrazione che comprende l’Acquario di Genova, i Magazzini del Cotone, Il Museo dell’Antartide, la Città dei Bambini e molte altre aree di interesse turistico quali Porta Siberia, il Bigo panoramico e poco distante il nuovo Museo del Mare e della Navigazione. Non è finita qui: Genova ha altre decine di luoghi da visitare… Come l’incantato Borgo di Boccadasse, l’angolo dei pescatori genovesi e degli innamorati…

La Liguria è conosciuta in tutto il mondo soprattutto grazie a Portofino e la parole diventano superflue….. Gioiello della Riviera di Levante, Portofino è situato tra la penisola che chiude a Ovest del Golfo del Tigullio e la Punta Carega sino all’insenatura di Paraggi.
Il clima mite, tipico delle coste della Liguria, il paesaggio dai colori vivaci delle tipiche case marinare, fanno di questa località una delle mete turistiche più frequentate. Dalla celebre Piazzetta si può arrivare al Castello di San Giorgio o Castello Brown dal nome di un console inglese che lo abitò nel 1800.
Fanno ala all’insenatura di Portofino due Chiese: San Martino e San Giorgio. La prima in stile barocco situata all’ingresso del paese, la seconda sulla costa rocciosa del promontorio verso la punta del faro.

LiguriaLa Riviera di Levante puo’ vantare di altre bellissime località quali Camogli, altro paesino di pescatori famoso tra le altre cose per la focaccia; Sestri Levante e la sua incantata Baia del Silenzio, Sestri chiude con il suo promontorio naturale il Golfo del Tigullio e naturalmente Santa Margherita Ligure: a due passi da Portofino, Santa è una delle località balneari italiane più rinomate e alla moda, ma oltre a questo è davvero un luogo incantevole tanto amato dai genovesi da molte generazioni e si parla di Santa non si puo’ dimenticare Rapallo, oggi conosciuto per lo piu’ dai golfisti italiani.

Dall’altra parte invece troviamo la Riviera di Ponente, da Arenzanocittadina che un tempo, con la sua spiaggia, i suoi alberghi e il suo campo da Golf, rappresentava un polo di attrazione turistica d’elite fino a Ventimiglia, al confine con la Francia, famosa per i suo clima mite e particolare, ne sono prova i giardini di Villa Hambury che vi consigliano assolutamente!

Riviera delle PalmeRiviera dei Fiori … Mete ogni estate di stranieri e torinesi per lo più, anche il Ponenete Ligure con le sue Province di Savona e Imperia non è da meno, puo’ vantare della spiaggia di Varigotti, del Casinò di San Remo, passando per Diano Marino e la splendida Cervo fino ad arrivare naturalmente ad Alassio, la più rinomata località ponentina e la sua fama se la merita sicuramente, passeggiata, negozi, mare, locali … Non sono da meno alla sua antagonista del Levante Santa Margherita appunto.

In Liguria si indica con il termine “entroterra” tutto il territorio alle spalle della costa. Un territorio collinare in quasi tutta la sua estensione anche con località quasi di montagna come avviene in Val d’Aveto. Un territorio spesso poco conosciuto ma che permette di raggiungere luoghi affascinanti proprio per la quiete che li contraddistingue.
Incentrato in passato su un’economia di sussistenza sorretta da prodotti tipici del territorio quali la castagna, col passare del tempo l’entroterra della Liguria ha iniziato a valorizzare pienamente il territorio ed anzi a rendere la propria ruralità un carattere distintivo per attrarre un turismo alternativo a quello di massa.

E’ così che vanno messe in risalto le produzioni artigianali delle vallate e dei paesi dell’entroterra della Liguria, oltre che i prodotti enogastronomici naturali che rappresentano un esempio del corretto sfruttamento delle risorse naturali e di tradizioni secolari.

La lavorazione dell’ardesia, tipica pietra dura dell’entroterra genovese utilizzata per i tetti delle case tipiche ma anche per scalinate, porticati, pavimentazioni, lavagne e oggetti di arredamento costituisce un esempio calzante delle capacità produttive in settori di nicchia dell’entroterra della Liguria. E’ Cicagna, in Val Fontanabuona, la capitale mondiale di un settore che risale al XII Secolo e il suo centro storico ne è l’emblema più significativo.

La fabbricazione degli orologi è un altro esempio dell’attività lavorativa dell’entroterra, trasferendoci questa volta ad Uscio, località di collina alle spalle di Recco. Gli orologi prodotti ad Uscio sormontano torri e campanili di tutto il mondo grazie ad una produzione iniziata nel 1800 con l’attività di Giuseppe Terrile. Oggi Uscio ha saputo raccogliere una nuova sfida turistica ed è anche conosciuta come una delle principali località termali della Liguria grazie al suo clima perfetto, mite d’inverno e mai troppo caldo d’estate.

Per quanto riguarda gli itinerari gastronomici, vi diamo una prima indicazione: Torriglia. Antico borgo di origine romana, a metà strada tra Genova e la Pianura Padana, Torriglia è sta una delle località di villeggiatura più rinomate dai genovesi per molti anni. La cittadina, propone ai suoi visitatori gustosissimi itinerari gastronomici di cui protagonisti assoluti sono i celebri canestrelli. Oltre a questo, se vi trovate a Torriglia andate nella famosa Pasticceria Guano e chiedete la “Bella di Torriglia” , tipica torta in pasta di mandorle.

L’entroterra ligure è infine sinomimo di “verde“: basta infatti allontanarsi di poco dalla costa e si apre davanti agli occhi un panorama fatto di boschi, altopiani e vallate. Ad esempio seguendo la strada statale 225, a circa 6 chilometri da Chiavari si incontra la piccola località di Carasco. Da qui, immettendosi sulla statale 586, si può risalire il torrente Stura proseguendo fino alla splendida Valle D’Aveto con località di montagna aperte a vedute fino al mare. Ernest Hemingway nell’anno 1945 corrispondente di guerra scrisse: “Oggi ho attraversato la valle più bella del mondo“, era appunto la Valle D’Aveto.

Queste sono solo brevi indicazioni di quello che è possibile trovare nell’entroterra della Liguria: visitate le sezioni delle vallate e delle località e troverete molte altre curiose informazioni, notizie ed immagini!

Ma andiamo a scoprire insieme piano piano questa Liguria …

Se poi volete conoscere davvero tutto su cosa fare, dove andare e come trascorrere il vostro tempo libero in Liguria, visitate anche il Magazine on-line Zenazone.it e troverete pane per i vostri denti!

Share Button