Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Emilia Romagna»Reggio Emilia

Reggio Emilia

Piazza San Prospero

.
Reggio Emilia è l’antica Regium o Regium Lepidun fondata nel 187 a.C. dal console romano Marco Emilio Lepido.
Con l’arrivo dei romani, all’inizio del II secolo A.C., Reggio Emilia (Regium Lepidi) diviene un centro urbano inserito nel sistema viario fondato sulla via Emilia, mentre, all’intorno, la pianura viene bonificata e colonizzata. Sparsi ritrovamenti testimoniano di una vita economica che si mantiene intensa per tutto il periodo imperiale fino alle invasioni barbariche.

A partire dall’VIII secolo la continuità dei poteri civili e il permanere della struttura urbana sono garantiti dal Vescovo. Nell’XI secolo è in terra reggiana il cuore della contea di Matilde, fortificato da un imponente sistema di castelli. Tra le mura di Canossa, nel 1077, si svolge uno degli avvenimenti più conosciuti delle lotte per le investiture: l’imperatore Enrico IV, in veste di pellegrino invoca davanti al Papa Gregorio VII, lo scioglimento della scomunica.
Agli inizi del sec. XV passa sotto il dominio degli Estensi. Presenze importanti segnano il Rinascimento reggiano: da Matteo Maria Boiardo, conte di Scandiano, il poeta dell’Orlando Innamorato, che fu governatore di Reggio verso la fine del XV secolo, a Ludovico Ariosto, il grande poeta dell’Orlando Furioso.
Infatti, in Piazza Cavour, dominata dal Teatro Comunale, una lapide ricorda la casa natale del poeta. I secoli XVII e XVIII sono tormentati da guerre, pestilenze e saccheggi di opere d’arte.

Nei periodi di pace, la creatività dei reggiani ha modo di manifestarsi con l’edificazione di sontuosi palazzi e numerosi edifici religiosi, primo fra tutti l’imponente Basilica della Ghiara innalzata, con eccezionale concorso d’artisti, nella prima metà del seicento e con il mirabile sviluppo dell’arte della seta.
Il 7 gennaio 1797, prima sede di un parlamento italiano, Reggio vede nascere, con la Repubblica Cispadana, il Tricolore, futura bandiera d’Italia.
Durante il ventennio fascista sempre vivo restò a Reggio lo spirito di resistenza che culminò nella lotta di liberazione.

Nella Piazza più famosa, Piazza Prampolini, sorgono il Duomo e il settecentesco Palazzo Comunale che racchiude la sala Tricolore.

La Provincia di Reggio Emilia, posta nel cuore della regione Emilia-Romagna, è contrassegnata da un interessante e variegato paesaggio che si snoda dalla vasta pianura a nord, dove scorre il fiume Po, maggiore fiume italiano, al paesaggio degli Appennini a sud che si innalzano fino ai 2.150 metri del Monte Cusna.
Attraversata dalla via Emilia e in posizione equidistante dalle Città di Modena e Parma, la provincia di Reggio è raggiungibile attraverso il percorso parallelo dell’Autostrada del Sole, considerata la più veloce e diretta via d’accesso ai principali centri della Regione Emilia-Romagna.

Alla base del benessere della provincia di Reggio Emilia ci sono la tradizione e la dedizione al lavoro dei suoi abitanti. E sia che si ripercorrano le orme di Don Camillo e Peppone o che si vada alla scoperta delle terre di Matilde di Canossa, in ogni caso l’ospitalità e la buona cucina sono gli elementi caratterizzanti.
Tutto questo si può trovare anche negli alberghi emiliani.

Anche se Reggio rappresenta uno dei punti nodali per l’economia italiana, industriale e del terziario, i reggiani hanno saputo conservare il senso delle tradizioni più antiche. Si ricordi inoltre che a Reggio secoli fa, ha avuto battesimo l’inimitabile formaggio “Parmigiano-Reggiano”.

Share Button