Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Calabria»Crotone

Crotone

Crotone

“La Magnifica e la fedelissima”,così venne chiamata la città di Catanzaro dall’imperatore Carlo V.
Oggi la città moderna si estende solo in parte sull’impianto urbano dell’antica polis magno greca ed è dominato da una altura isolata, su cui insiste il borgo medioevale coronata da un imponente castello.

Dalla base del castello si dipartono, a sud e a nord, rispettivamente i due bacini del porto vecchio e porto nuovo. Poco distanti dall’abitato, lungo la costa, emergono a nord le ciminiere del polo industriale e in direzione opposta, sul promontorio, l’Heraion lacinio.

Il centro storico, che si estende intorno al corso Mazzini racchiude un sistema museale articolato: Museo archeologico statale, palazzo Morelli e il Museo Civico – e un insieme di strutture culturali tra cui Biblioteca, Archivio, Galleria, Polifunzionali per mostre e conferenze. Famosissima piazza Pitagora, sulla quale si affacciano i portici costruiti nel 1867. Il colonnato è a fusto liscio con capitello neodorico, in arenaria; da qui parte via Vittoria, che incrociandosi con corso Vittorio Emanuele sbocca in piazza Duomo, sulla quale si affaccia la Basilica minore.

L’impianto originario del Duomo risale al IX secolo; la ricostruzione integrale della chiesa, per la quale furono utilizzati materiali asportati dall’antico tempio di Hera Lacinia, risale al sec. XVI. Accanto alla cattedrale sorge il Palazzo Vescovile. Seguendo a sinistra il corso Vittorio Emanuele appare il vecchio Municipio della città, sul quale è apposta una lapide in ricordo di Giuseppe Garibaldi. Di fronte si erge la chiesa dell’Immacolata, ricostruita nella forma attuale alla fine del secolo XVIII.
La facciata, di epoca posteriore, ha un impianto neoclassico. Incamminandosi per vico La Camera, sulla sinistra si arriva alla chiesa di S. Chiara, ricostruita alla fine del ‘700. Nell’adiacente convento, in seguito a recenti restauri, sono stati ripristinati il porticato del chiostro, in blocchi di arenaria locale, una cisterna con puteale del 1616, le celle e le varie pavimentazioni in cotto. Proseguendo da via Cavour e via Pelusio, si sfocia in via Risorgimento, sulla quale troviamo palazzo Gallucci, costruito alla fine del sec. XIX, ricalcando i canoni neoclassici, propri dell’architettura dei palazzi romani.

Nei pressi, sorge anche la chiesa di S.Giuseppe. Conserva pregevoli dipinti del ‘700 e due statue lignee, opera dell’intagliatore napoletano Nicola Fumo e datate 1721. Accanto alla chiesa è l’ingresso alla villa Berlingieri, costruita nel 1882, su progetto dello stesso Francesco Berlingieri, e caratterizzata da un vestibolo sorretto da colonne scanalate con capitello ionico. Proseguendo su via Risorgimento, si arriva in piazza Castello su cui si affacciano altri importanti palazzi nobiliari.
In queste vie sono ubicati anche gli alberghi della città; per chi invece volesse pernotare fuori paese ne può trovare altri in periferia.

Share Button