Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Basilicata»Potenza»Maratea

Maratea

L’unico porto della BASILICATA sul Mar Tirreno. Nel secolo scorso fu un importante scalo commerciale ed a testimoniarne l’intensa attività commerciale sono i numerosi ritrovamenti subacquei di anfore commerciali e di ancore. Le sue origini risalgono all’età del Bronzo. Attestazioni precise risalgono all’ VIII sec., quando i Longobardi fondarono la fortezza e il Santuario di San Biagio sulla cima dell’omonimo monte.

Successivamente il centro appartenne alla contea di Lauria, e divenuto città regia nel periodo aragonese, venne ceduto nel 1530 ai Carafa e nel 1621 si rese indipendente. Purtroppo questa fortezza venne distrutta dalle truppe francesi nel 1806.

Maratea

Maratea , oggi, è uno dei centri turistici più rinomati della regione. Il paese è situato alle pendici del Monte San Biagio, dominante il golfo di Policastro, dove si affacciano le stazioni balneari: ACQUAFREDDA, FIUMICELLO, SANTAVENERE, PORTO, MARINA e CASTROCUCCO.

La città comprende una parte più antica in posizione più elevata, Maratea Superiore ed una più moderna, Maratea Inferiore.
Nella parte alta sorge il Santuario di San Biagio, con portico rinascimentale a tre archi e che conserva una cappella seicentesca ed un bassorilievo marmoreo del XVIII sec…
I festeggiamenti in onore di San Biagio durano una settimana tra la I e la II Domenica di Maggio. La statua, coperta da un panno rosso, viene portata attraverso un sentiero, fino al paese, dove viene consegnata al Sindaco della città che tolto il panno, la mostra ai fedeli.
Il versante che si affaccia sulla costa è occupato da un Belvedere con la Statua del Redentore , opera dello scultore Bruno Innocenti, che fu elevata nel 1965 al posto di una croce onoraria.

Nel centro storico, che è caratteristico per i vicoli strettissimi con logge e portalini, si possono visitare: la chiesa di Santa Maria Maggiore del 1400 con facciata caratterizzata da tre grandi aperture in stile barocco nel cui interno è conservato un coro ligneo, e la chiesa di San Vito, la più antica del paese

Di interesse artistico  anche la chiesa dell’Annunziata, con bassorilievo marmoreo del 1600.
Di pregio storico, oltre al Convento dei Cappuccini, costruito nel 1615 dove nelle vicinanze sorgono tre Cappelle con affreschi che risalgono al 500, è anche l’ ex Convento dei frati Minori Osservanti edificato nel 1574.

Lungo la costa si possono ammirare, oltre al castello di Castrocucco, opera dei D’Agnola, che sorge su una piattaforma rocciosa, anche numerose torri di avvistamento realizzate da Pietro Di Toledo nel XVI sec.. Di interesse artistico l’ottocentesca Villa Nitti, appartenuta al famoso politico Francesco Saverio Nitti. Alcuni ritrovamenti, di grande interesse storico, sono stati effettuati ultimamente in contrada La Secca.
In località Marina è possibile visitare varie grotte tra cui la Grotta dei Monacelli caratteristica per la colorazione azzurra dovuta all’effetto della luce rifratta da una cavità subacquea e raggiungibile solo in barca.

Suggestiva è la Grotta dei Pipistrelli alla quale si può accedere solo in barca, mentre la Grotta di Judia, caratterizzata da bolle d’acqua dolce dovute alla presenza di sorgenti marine, è raggiungibile in barca o attraverso un sentiero lungo la spiaggia. Con un grande ingresso a sperone sul mare è  spettacolare la Grotta del Sogno. Nel lato settentrionale della Punta Caina si trova l’affascinante Grotta delle Cetroselle. Dalla frastagliata costa su cui sono disegnati stupendi angoli paesaggistici, è possibile ammirare l’ isolotto di Santo Ianni.

Maratea ha la sua economia concentrata quasi tutta sul turismo estivo, infatti le bellissime strutture ricettive e alberghiere accolgono ogni anno non solo turisti Italiani e stranieri. Gli unici insediamenti rurali con aspetto montano si hanno nelle località di Massa e di Brefaro.

Share Button