Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Basilicata»Matera»Pisticci

Pisticci

PisticciLe prime tracce di vita a Pisticci risalgono all’Età del Ferro, allorchè tribù indigene di Enotri vi si insediarono. L’arrivo dei primi coloni ellenici nell’VIII sec. a.C. non sconvolse del tutto quel sistema di vita, anzi coloni e indigeni si integrarono perfettamente. A Pisticci venne istituito un presidio militare greco a difesa della vasta zona di espansione e una scuola vascolare, diretta dal cosiddetto Pittore di Pisticci, un ceramografo attico, particolarmente abile nell’uso dell’argilla. Oggi i vasi pisticcesi del VI e VII sec. sono il vanto dei più importanti musei del mondo.

Come altri centri, anche Pisticci viene “ridimensionata” in epoca romana. Con l’avvento dei Normanni fu istituito nel 1000 il Feudo di Pisticci, che comprendeva non solo il centro abitato ma anche la localita di S.Basilio, dove fu costruito un castello-fortezza. Tra i feudatari si distinsero i Maccabeo, i De Cardenas e i Sanseverino. Con il Regno d’ltalia Pisticci tu trasformata da Università in Municipio. Nel corso degli anni Sessanta del XX sec., con l’insediamento delle prime fabbriche in Valbasento, Pisticci ha gradualmente trasformato la sua economia: principale forma di sussistenza non risultò piu l’agricoltura ma bensì l’industria.

Il paese offre numerose testimonianze di un glorioso passato. Tappa d’obbligo il rione Dirupo, dove è ubicata la cappella della Concezione. Attraverso una scalinata si raggiunge la Terravecchia, primo nucleo del paese, dove domina l’imponente Chiesa Madre. Scendendo da Terravecchia si incontra la maestosa chiesa di San Rocco progettata dall’architetto Lapadula, al cui interno si trovano grandi affreschi sulla vita del santo, dipinti da Alfredo Cassone. Corso Margherita e il cuore pulsante della cittadina, che culmina con il Palazzo Comunale e la chiesa di Sant’Antonio, che presenta una ricca pinacoteca.

Sul vicino monte Corno, da visitare anche il santuario di Santa Maria del Casale, edificato intorno all’anno 1000, con un artistico portale di stile romanico pugliese.

 

Share Button