Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Archive for luglio 2013

Archive for luglio 2013

Parco Nazionale Monti Sibillini

Il Parco Nazionale Monti Sibillini è una catena montuosa che si erge nel cuore dell’Italia fino a raggiungere, con il M. Vettore, i 2.476 m. Un territorio dove la magia, la natura, la storia e la cultura locale hanno contribuito a definire una realtà unica ed irripetibile.
È qui, nel regno della mitica Sibilla che nel 1993 è nato il Parco Nazionale Monti Sibillini (ca. 70.000 ettari) con lo scopo di salvaguardare l’ambiente, promuovere uno sviluppo socio-economico sostenibile e favorire la fruizione ad ogni persona sì da creare un “Parco per tutti” . Lupo, aquila reale, falco pellegrino e numerose specie endemiche sono i segni più evidenti di una diversità e di una ricchezza biologica che, unitamente al fascino delle abbazie e dei centri storici medioevali, disseminati a guisa di corona alle falde del gruppo montuoso, hanno contribuito a determinare un mondo antico e suggestivo dove il tempo sembra, ancora oggi, essersi fermato per rendere omaggio a una realtà di così straordinaria bellezza. Read more

Sferisterio di Macerata

Lo sferisterio di Macerata è ritenuto da alcuni famosi cantanti lirici il teatro all’aperto con la migliore acustica rintracciabile in Italia. Venne costruito a cavallo tra il ‘700 e l’‘800 su iniziativa di un gruppo di facoltosi uomini della città che da tempo cercava di dare un nuovo spazio destinato allo spettacolo cittadino. Il complesso teatrale offre un’architettura molto peculiare. Il progetto del teatro appartiene ad Ireneo Aleandri, architetto neoclassico autore anche del viadotto dell’Ariccia e del Teatro Nuovo di Spoleto. Aleandri disegnò il progetto nel 1852 con una singolare pianta a segmento di cerchio originariamente destinata ad essere luogo per il pallone col bracciale: da qui deriva il nome “sferisterio”. Read more

Piazza della Libertà di Macerata

Collocata al centro della città, Piazza della Libertà è un interessante spazio artistico e architettonico per il numero e la pregevolezza degli edifici monumentali che vi si affacciano. Dal Palazzo del Comune, alla Chiesa di San Paolo alla Torre dell’Orologio. Sul lato nord si erge l’austero Palazzo della Prefettura con un maestoso portale in marmo del 1509. Sul versante orientale si affaccia la chiesa barocca di San Paolo che risale alla metà del Seicento: offre un prospetto in cotto e oggi al suo interno accoglie mostre d’arte. A destra si scorge l’ingresso del Palazzo dell’Università, costruzione del Seicento che fu dimora del collegio Barnabiti.

Palazzo Ricci di Macerata

Il Palazzo Ricci Petrocchini è uno dei Palazzi più importanti della provincia di Macerata. I suoi spazi ospitano la prestigiosa raccolta di dipinti e opere dei più noti artisti del Novecento italiano, mentre i meravigliosi sotterranei offrono mostre di alto livello culturale. Il Palazzo venne costruito nella seconda metà del Cinquecento e poi subì dei rimaneggiamenti nel corso del Settecento. In precedenza, il sito era occupato dall’Abbazia di Fiastra. Fu l’agostiniano Gegoria Petrocchini da Montelparo ad acquistarlo nel 1608 per donarlo poi alla nipote Girolama quando si unì in nozze con Antonio III Ricci. L’edificio entrò così a far parte della nobile casata di Macerata. Read more

Biblioteca comunale Mozzi Borgetti di Macerata

La Biblioteca comunale Mozzi Borgetti venne costruita nel 1773 sulla preesistente e soppressa sede del Collegio della Compagni di Gesù. Di questi locali gesuiti la biblioteca ne ha ereditato i documenti ed i fondi. Nei secoli, inoltre, la biblioteca ha acquisito numerose donazioni delle famiglie e dei letterati più in vista. La biblioteca rappresenta oggi un dei più vasti istituti bibliotecari delle Marche. É dotata di oltre 350.000 volumi. Possiede 10.000 manoscritti, 300 incunaboli e conserva più di 4000 documenti che risalgono al 1500. Sono presenti, inoltre, raccolte musicali e teatrali, una collezione risorgimentale e 20.000 fotografie che documentano la storia locale. Read more

Cattedrale di Macerata

La Cattedrale di Macerata venne edificata tra il 1459 e il 1464, mentre il campanile attiguo venne eretto tra il 1467 e il 1478. Il complesso monumentale venne riedificato prima nel Quattrocento e poi nel Settecento su progetto dell’architetto Cosimo Morelli di Imola. Nella parte esterna si osserva come la facciata della Chiesa non sia terminata: questo per assenza di fondi. Inoltre, si noti come la parte dell’abside sia realizzata in laterizio per adattarsi alla pendenza del terreno. Read more

Pinacoteca Civica di Fermo

Nel percorso museale della pinacoteca in Palazzo dei Priori è compresa anche la visita alla sala del mappamondo, che costituisce il nucleo più antico della Biblioteca Spezioli; è questa l’antica Sala delle Commedie, risalente al 1688, voluta dal cardinale Decio Azzolini juniore (1623-1689), per sistemare i libri della sua biblioteca personale e quelli di Paolo Ruffo, nobile fermano. Read more

Teatro dell'Aquila di Fermo

Con una capienza di circa 1000 posti  e con 124 palchi ripartiti in 5 ordini a cornice della platea, si colloca tra i più imponenti teatri del Settecento nell’Italia centrale: il palcoscenico di circa 350 metri quadrati e la sua acustica ne fanno una delle sale storiche più prestigiose d’Italia. Read more

Cisterne Romane di Fermo

Le Cisterne Romane costituiscono un sito archeologico di Fermo, in Italia. La datazione convenzionale le pone intorno al 40 d.C., in base alla presenza su una parete di un frammento di tegola con il timbro di un costruttore che operava in quegli anni. La costruzione si trova sotto la via Paccarone e parzialmente sotto l’ex convento adiacente la Chiesa di San Domenico. L’ingresso alla struttura è ricavato in età moderna da via degli Aceti. Read more

Chiesa di San Francesco di Fermo

La chiesa, con annessa parrocchia di Santa Maria delle vergini, è situata in largo Mora; fu costruita sul lato orientale della città tra il 1240 ed il 1425 (completamento del campanile); la facciata fu modificata nel Settecento, mentre il portale è datato 1604; l’interno, di imponenti proporzioni e restituito al primitivo aspetto dai restauri del Novecento, è costituito da tre navate divise da sei grandi pilastri e dall’abside poligonale; nella cappella laterale, dedicata al SS. Sacramento, si trova la tomba di Ludovico Euffreducci del 1527, attribuita ad Andrea Sansovino; il complesso comprende il convento dei Frati Minori Conventuali.

Pages:« Prev1234567891011Next »