Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Archive for giugno 2013

Archive for giugno 2013

Cappella della Madonna delle Grazie a Saint Vincent

Particolarmente suggestiva per la sua collocazione nei pressi dell’orrido sul torrente Marmore e facilmente raggiungibile a piedi dal centro di Chatillon, la chiesetta della Madonna delle Grazie si trova vicino ai resti del ponte romano.

Costruita probabilmente nel 1643 per volontà del nobile Alessandro Betta, è stata ampliata nel 1820 per merito del parroco Linty. Read more

Chiesa Parrocchiale di Saint-Vincent

La Chiesa di Saint-Vincent rappresenta uno dei più importanti monumenti di arte sacra della Valle d’Aosta proprio per il suo ottimo stato di conservazione e per la presenza, al suo interno di reperti di altissimo valore storico e culturale.

Edificata nell’XI secolo, dai benedettini, in stile romanico fu oggetto di numerose trasformazioni architettoniche e di significativi restauri moderni. La chiesa parrocchiale, dedicata al Santo protettore della cittadina, San Vincenzo, sorge sulle strutture di un importante edificio romano e presenta molteplici motivi di interesse. Read more

Il Castello Passérin d’Entrèves di Saint Vincent

Collocato in pieno centro del paese, a ridosso della Chiesa Parrocchiale, il Castello Passérin d’Entrèves si presenta ai visitatori con una lunga ed interessante storia che pare risalga all’epoca romana, poiché il nome stesso di Châtillon, che trae origine da “castrum” (castello), indica una località in cui sorgeva un accampamento. Nel luogo in cui si eleva l’attuale castello, doveva quindi esserci una fortezza romana. Read more

Castello Baron Gamba di Saint Vincent

Il Castello si trova nella zona ovest di Chatillon, in localita Cret de Breil, ed è ben visibile sia dalla strada statale proveniente da Aosta sia dall‘autostrada A5 Aosta-Torino.

Nel 1911 Charles Maurice Gamba, che aveva sposato Angélique d’Entrèves, figlia del conte Christin, fece costruire su un poggio arido, a ovest di Châtillon, un castello circondato da un grande parco. Il castello, edificio di maniera, fu realizzato su progetto dell’ingegnere Carlo Saroldi. Read more

Castello Sarriod de la Tour di Saint-Pierre

Guardandolo dall’alto del castello di Saint-Pierre, il castello Sarriod de la Tour appare come un insieme irregolare di edifici circondati da una cinta muraria, situato in una zona pianeggiante un po’ al di fuori del centro abitato e vicino alla Dora Baltea.

Portandosi alla destra del fiume è possibile notare come la posizione del castello non sia così priva di difese naturale, e che i lati di sud est poggiano su uno sperone roccioso a strapiombo sulla Dora. Read more

Castello di Saint-Pierre

Situato su un promontorio roccioso in località Tache, dall’alto della sua rupe domina sulla pianura e la collina del borgo. Il castello originario comprendeva due edifici diversi la casa-forte e la torre. Successivamente vennero aggiunti altri edifici destinati a usi civili e militari e la struttura venne unificata.

Il lato nord si affaccia sul promontorio roccioso, mentre il lato sud guarda su un piccolo cortile circondato da una cinta muraria merlata. Il mastio centrale a pianta quadrata si eleva in altezza dal centro dell’edificio e negli angoli sono state aggiunte alla fine del XIX secolo quattro torrette decorative a pianta circolare collegate tra loro da un camminamento sorretto da una serie di archetti. Read more

Chiesa di San Pietro di Saint-Pierre

L’attuale chiesa parrocchiale di Saint-Pierre fu ricostruita nel 1871-72 in sostituzione della precedente costruita invece alla metà del XV secolo.
Le fonti storiche non consentono di precisare la data di costituzione della parrocchia intitolata a San Pietro, ma il campanile romanico rimanda almeno al medioevo.
Due campagne di scavo, eseguite negli anni 1978-79, in subordine ad alcuni interventi di restauro statico, hanno evidenziato numerose strutture murarie attribuibili agli edifici sacri che si sono succeduti sul sito dell’attuale chiesa costituito da un terrazzamento roccioso ai piedi dell’antico castello. Read more

Museo dell'Artigianato Valdostano di Fènis

Si tratta di un museo unico nel suo genere, il cui scopo è valorizzare il patrimonio culturale valdostano, fatto di tradizioni, luoghi, oggetti di uso comune ora quasi completamente scomparsi dalle nostre case, sculture.Il museo si propone non come un nostalgico ritorno al passato, bensì come un punto d’incontro tra la cultura valdostana del passato e la cultura moderna.
Il simbolo del MAV (Museo dell’Artigianato Valdostano di tradizione) è il “berdgi” (le berger – il pastore), rappresentato dall’opera di Dorino Ouvrier posta all’entrata del museo. Read more

Castello di Fènis

Diversamente dagli altri castelli costruiti per scopi bellici e di difesa, Fénis non è situato sulla sommità di un promontorio, bensì su un lieve poggio. La sua funzione infatti, in contrasto con l‘apparato difensivo, è stata unicamente quella di sede prestigiosa della famiglia Challant.
Le molte torri del castello che si fondono in un assieme architettonico di sorprendente armoniosità furono aggiunte verso la metà del sec. XIV da Aimone di Challant al torrione preesistente, già dimora abituale, un secolo prima, del visconte Gotofredo II. Read more

Parrocchia di Fènis

Le prime informazioni certe risalgono al 1414 quando, a seguito di una visita pastorale, sappiamo che fu ricostruita la tribuna absidale, ai tempi ancora sprovvista di copertura. Dal verbale non emerge se la chiesa era a una, due o tre navate, ma è certa l’esistenza di un muro che divideva il presbiterio dall’area riservata ai fedeli. Riguardo agli arredi le informazioni giunteci sono molto scarne e contraddittorie. Invece, per quanto concerne l’iconografia tra i vari pezzi vengono elencati due crocefissi, la statua di San Maurizio e una Madonna con bambino. Read more

Pages:1234...3435Next »