Italyzone su FacebookItalyzone su YouTubeItalyzone su TwitterItalyzone su InstagramRSS Italyzone
Ti trovi qui: Italyzone»Eventi Italia,Eventi Veneto»Vicenza, alla scoperta del Palladio Museum
Palladium Museum

Vicenza, alla scoperta del Palladio Museum

Sarà inaugurato il 4 ottobre a Palazzo Barbarano, a Vicenza, il Palladio Museum, che si propone come una tappa di un “viaggio emotivo” che inizia prima di varcare il portone dell’edificio e prosegue nel territorio. «Il Palladio Museum – spiega Amalia Sartori, presidente del Centro Internazionale di Studi di architettura Andrea Palladio – è il compimento delle mostre del Cinquecentenario palladiano, che hanno portato Palladio in Europa e Stati Uniti. Da ottobre in avanti, il mondo che ama Palladio avrà la sua casa a Vicenza». Al progetto, promosso dal Cisa, ha lavorato l’architetto Alessandro Scandurra; la realizzazione è resa possibile dalla Regione Veneto, da Arcus e dalla Fondazione Cariverona.

Il nuovo museo nasce come una struttura aperta, nella consapevolezza che molto è stato scoperto negli archivi sull’architetto più influente degli ultimi cinque secoli, ma che molto altro resta ancora da scoprire. Si rivolge a un pubblico italiano e internazionale, sia di specialisti che di studenti e appassionati. Il museo, inoltre, vuol fare da propulsore per l’osservazione diretta dell’architettura palladiana in Veneto.

La visita all’interno del Palazzo Barbarano, l’unico che Palladio riuscì a vedere completamente realizzato, è concepita come una detective-story, con indizi e colpi di scena. La vita di Palladio sarà raccontata nel contesto della comunità dell’epoca: una storia di uomini, imprese e innovazione.

Al piano nobile sarà allestita una mostra permanente sull’opera palladiana, con disegni originali autografi, dipinti rinascimentali e grandi modelli architettonici in legno. Ci saranno anche apparati multimediali. Le sale saranno illustrate da autorevoli studiosi, da Jim Ackerman a Howard Burns.

L’allestimento, comunque, cambierà nel tempo. Un’area sarà dedicata a mostre temporanee mentre il piano terreno sarà liberamente aperto ai visitatori – una nuova piazza della città – e ospiterà servizi di accoglienza e punti informativi nonché una biblioteca specializzata in architettura.

Leave your comment

Your Name: (required)

E-Mail: (required)

Website: (not required)

Authorization code from image: (required)


Message: (required)

Send comment